Tumore al seno: visite gratuite con la Campagna Nastro Rosa 2014

da , il

    Campagna Nastro Rosa

    Per la lotta contro il tumore al seno, per combattere il “big killer” per le donne del nuovo millennio, torna anche nel 2014, la Campagna Nastro Rosa con la possibilità di effettuare visite gratuite di prevenzione. Perché sconfiggere il tumore al seno a colpi di prevenzione è possibile. Perché sensibilizzando e informando le donne sconfiggere il tumore al seno è più facile. Ecco solo alcuni dei perché fondamentali che animano questa iniziativa, di prevenzione e informazione, dedicata alle donne, alla loro salute, che colora di rosa, in tutto il mondo, il mese di ottobre da più di venti edizioni.

    Anche ottobre 2014 si colora di rosa grazie alla XXII edizione della Campagna Nastro Rosa. Anche ottobre 2014 è sinonimo di lotta contro il tumore al seno, di prevenzione e informazione, sensibilizzazione e iniziative declinate al femminile.

    Per tutto il mese sarà possibile sottoporsi a visite e controlli gratuiti presso ben 400 punti prevenzione sparsi su tutto il territorio italiano e 106 sezioni provinciali Lilt, la Lega per la Lotta al Tumore al seno.

    Una campagna che vuole informare sull’importanza della prevenzione in modo concreto, garantendo visite e controlli alle donne, ma non solo. La Campagna Nastro Rosa è anche una campagna che vuole sensibilizzare le donne. Anche grazie a testimonial d’eccezione, come quella di quest’anno, la bellissima attrice italiana Nicoletta Romanoff.

    Perché la prevenzione è l’unica arma davvero vincente contro il tumore al seno. L’unico alleato prezioso da declinare in controlli e visite specialistiche regolari, per la diagnosi precoce dei sintomi e la scelta tempestiva delle cure giuste. Perché i numeri non devono spaventare ma far riflettere: in Italia una donna su nove è stata colpita da tumore al seno, con un incremento dell’incidenza di questa forma di cancro del 15%; incremento che raddoppia, raggiungendo quota 30%, tra le donne di età compresa tra i 25 e i 45 anni. Perché non a caso il cancro alla mammella si è meritato, sempre più “sul campo” purtroppo, l’appellativo di big killer. Perché, però, con la corretta informazione, l’autopalpazione, gli esami, i controlli e le visite, questo terribile big killer non è invincibile, anzi, può essere sconfitto.

    Un’iniziativa tutta rosa che vuole diffondere un messaggio chiaro, che è meglio ribadire a tutte le donne, di tutte le età: tumore al seno, con la prevenzione si può sconfiggere. Tutto è cominciato nel 1989, negli Stati Uniti, quando Evelyn Lauder, volto e anima del colosso cosmetico omonimo, ha dato vita alla Campagna Nastro Rosa, che poi è stata esportata e promossa in oltre 70 nazioni nel mondo.

    SCOPRI LA CAMPAGNA PINK IS GOOD CONTRO IL TUMORE AL SENO