Tumore al seno: donne bianche e occidentali più a rischio

da , il

    Tumore seno donne rischio

    Il tumore al seno, si sa, è la forma di cancro più diffusa fra le donne in tutto il mondo. Le più a rischio? Le donne bianche e occidentali. I fattori e le abitudini di vita che aumentano il rischio di comparsa di questa terribile eventualità sono altrettanto noti, anche se sono ancora troppe le donne che fingono di non saperlo. Ma l’aggiornamento di un importante studio, il Million Women Study britannico, getta nuova luce e anche qualche ombra sull’argomento. Ecco i dati e le notizie più interessanti.

    Lo studio

    Il Million Women Study è uno studio nazionale britannico incentrato sulla salute delle donne, teso a indagare come i diversi fattori, le abitudini quotidiane, riproduttive e sociali, gli stili di vita influiscano sul rischio di essere vittime di alcune malattie, come il tumore al seno. Coordinata da un team di esperti dell’Università di Oxford, la ricerca ha coinvolto un nutrito numero di donne: un milione di donne bianche occidentali; circa sei mila donne asiatiche; circa cinque mila donne di colore.

    TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SUL TUMORE AL SENO

    I fattori di rischio

    Secondo quanto emerso nell’ultimo resoconto dello studio, pubblicato sul British Journal of Cancer, ci sarebbero novità interessanti sia in merito ai fattori di rischio che aumentano le probabilità di sviluppare il tumore al seno, sia la differenziazione degli stessi in base ai gruppi etnici di appartenenza.

    Essere mamma di più figli e allattarli per un lungo periodo di tempo potrebbero rappresentare due scelte positive, due fattori protettivi preziosi contro il cancro alla mammella. Il fattore protettivo della maternità e dell’allattamento è valido per tutte, ma le donne bianche occidentali, complice lo stile di vita più frenetico, rischiano di “approfittarne” di meno. Infatti, le donne bianche hanno in media 2,1 figli, con una percentuale di allattamento sul lungo periodo del 69%, contro il 2,7 e il 2,9 figli delle asiatiche e di quelle di colore, che mediamente allattano nell’80% dei casi.

    Tra i fattori di rischio da non sottovalutare ci sono il consumo di alcolici, che in base alle medie vede (purtroppo) in testa le donne bianche occidentali, il sovrappeso, l’obesità, l’alimentazione, la terapia ormonale sostitutiva in menopausa e la genetica.

    L’utilizzo della terapia ormonale sostitutiva può incrementare il rischio di cancro al seno; incremento valido soprattutto, anche in questo caso, per le donne bianche occidentali che ne fanno uso nel 35% dei casi, contro il 22% e il 29% delle asiatiche e delle donne di colore. Anche in fatto di genetica, le donne del primo gruppo hanno la peggio, con un 10% in più di possibilità di avere familiarità con il tumore, rispetto al 7% e al 5% delle donne asiatiche e di quelle di colore.