Tumore al colon retto: un esame del sangue per scovarlo

da , il

    cancro al colon retto diagnosi precoce

    Il tumore del colon retto rappresenta la terza causa di morte per neoplasia nei paesi occidentali. E’ secondo solo al cancro al seno per le donne e al cancro ai polmoni per gli uomini. La patologia colpisce i due sessi in egual misura, è molto rara prima dei 40 anni, ma diventa sempre più frequente dopo i 60. La diagnosi precoce è indubbiamente l’arma più efficace per difendersi da questa tipologia di tumore, che per essere sconfitta va trattata ai primi stadi di sviluppo. Lo sanno bene il dott. Søren Jensby Nielsen e i colleghi ricercatori dell’azienda danese Exiqon A/S, che hanno da poco messo a punto un test che promette di rilevare la presenza di carcinomi colorettali grazie a un semplice esame del sangue.

    La nuova proposta diagnostica è stata presentata in occasione della quarta Conferenza internazionale dell’American Association for Cancer Research. “Il nostro test – ha spiegato il dott. Jensby Nielsen – è potenzialmente sicuro, economico, efficace, facile da usare e non invasivo e potrebbe, quindi, essere facilmente integrato in programmi di screening nazionale come parte di un checkup annuale”.

    La ricerca scientifica ha già messo a disposizione diversi metodi per la diagnosi precoce del tumore al colon retto, ma “le attuali stime suggeriscono che meno della metà degli americani sopra i 50 anni riceve un adeguato screening del tumore colorettale” ha precisato Nielsen. Il test diagnostico del prelievo del sangue si presenta come un’alternativa rapida e meno invasiva di qualsiasi altro metodo utilizzato finora. Prima di rendere l’esame accessibile a tutti saranno però necessarie ulteriori sperimentazioni che ne confermino l’attendibilità.