Tumore al cervello: cure sempre più efficaci

da , il

    Tumore al cervello

    Buone notizie sul fronte terapie anti-cancro: il tumore al cervello più diffuso e aggressivo tra le neoplasie che possono colpire l’area cerebrale – il glioblastoma multiforme – può essere sconfitto. O, per meglio dire, le probabilità di sopravvivenza alla malattia sono aumentate moltissimo negli ultimi anni, grazie a diagnosi precoce e cure sempre più mirate ed efficaci. Di questo ottimo risultato parla diffusamente uno studio scozzese, condotto dall’Università di Glasgow. Secondo i dati della ricerca, oltre la metà dei pazienti in cura per questa forma tumorale sopravvive più di sei mesi, una cifra impensabile 30 anni fa, quando la percentuale non arrivava al 10%.

    Tutto questo – sottolinea il coordinatore dello studio, Roy Rampling – grazie a alcune innovazioni frutto della ricerca medica. Sul fronte diagnostico, l’introduzione di alcuni markers genetici che permettono di individuare la formazione del glioblastoma nelle fasi iniziali. Per quanto riguarda le cure, poi, ci si sta sempre più muovendo verso una “personalizzazione” delle terapie (chirurgia, radioterapie a chemioterapia) in modo da mirarle in base alle caratteristiche specifiche che il tumore assume individualmente.

    “C’è ragione di essere ottimisti – spiega Rampling – Credo fermamente che la nostra migliore opportunità per ulteriori progressi è quella di aumentare il finanziamento alla ricerca di laboratorio e piccoli studi innovativi”. Il glioblastoma multiforme si manifesta nell’individuo adulto, colpendo gli emisferi cerebrali o, più raramente, il tronco o il midollo spinale e si tratta di un cancro caratterizzato da una malignità difficile da contrastare con le cure. Ecco perché è così importante continuare nella ricerca, al fine di riuscire a rallentare il progresso della malattia, fino ad arrestarlo del tutto.