Troppi piercing e tatuaggi sui bambini, i dermatologi lanciano l’allarme

da , il

    Piercing tatuaggi bambini

    Sempre più bambini e adolescenti, si sottopongono a piercing e tatuaggi, e questa pratica sta facendo letteralmente lievitare i casi di allergie e di infezioni cutanee. L’allarme riguarda sia gli USA, dove il fenomeno sta assumendo dimensioni davvero preoccupanti, ma anche il nostro Paese non fa eccezione, come sottolineano i dermatologi, del resto è anche in aumento il numero dei “pentiti” (specialmente dei tatuaggi), che poi finiscono per rivolgersi ai Centri Estetici per far rimuovere i disegni incisi sulla pelle con il laser.

    Per quanto riguarda le linee guida dei dermatologi americani a proposito di tattoos e piercing (inclusa la foratura dei lobi delle orecchie delle bambine per infilare gli orecchini già in tenera età, pratica che anche da noi è sempre esistita), poiché i divieti sembrano non sortire alcun effetto, si è deciso per un atteggiamento più morbido che mira a limitare i danni.

    Ecco qualche consiglio riservato a genitori e minori. I tatuaggi temporanei non sono del tutto innocui come si potrebbe pensare, al contrario, possono comunque scatenare reazioni allergiche e lasciare delle cicatrici permanenti sulla pelle delicata dei bimbi.

    Meglio, perciò, non praticarli troppo presto (per il Carnevale, ad esempio). Per quanto riguarda i piercing, se proprio non si vuole aspettare, bisogna limitarsi al lobo delle orecchie, perché ad esempio, forare il bordo delle stesse, non è una buona idea in quanto toccare quella parte di cartilagine può scatenare delle reazioni, o provocare la formazione di cheloidi, che sono delle cicatrici sporgenti davvero antiestetiche.

    Per quanto riguarda i piercing in altre zone del corpo, come, ad esempio, quello all’ombelico, anche detto navel piercing, sarebbe meglio aspettare, o comunque mai affidarsi al fai da te, così come per qualunque tipo di tatuaggio permanente.

    I minori, poi, devono recarsi da un bravo dermatologo con i loro genitori prima di sottoporsi a qualunque tipo di operazione sulla pelle, per testare eventuali allergie. Insomma, se la morale è: se proprio non ci si vuole rinunciare (a decorasi con gioielli o disegni), allora che almeno lo si faccia nel modo più prudente e igienico possibile.