Troppi caffè? Addio all’effetto sveglia

da , il

    Caffè espresso

    Sarà il caso di iniziare a risparmiare i soldi di qualche tazzina di caffè, soprattutto se ne bevete in continuazione. Con l’abuso, infatti, il corpo si assuefà e diventa resistente agli effetti della caffeina. In altre parole, una tazzina di caffè finisce per avere un potere ristoratore comparabile a quello di un bicchiere d’acqua: nessuno. La sensazione di allerta che provate bevendo il terzo caffè della giornata (e il centesimo del mese) è solo un’illusione. Ora che lo sapete, probabilmente la magia svanirà…

    Per dare valore scientifico alla tesi, lo psicologo Peter Rogers e i colleghi dell’università di Bristol hanno effettuato una ricerca molto interessante: i risultati sono apparsi sulla rivista Neuropsychopharmacology. Ai fini dell’indagine, gli studiosi hanno chiesto a 162 bevitori moderati di caffè e a 217 bevitori assennati di astenersi dal bere la bevanda per 16 ore. In seguito, ogni esaminato ha bevuto una tazza contenente 100 milligrammi di caffeina e poi, dopo un’ora e mezza, un’altra tazza da 150 milligrammi. Ad alcuni, però, è stata offerta una bevanda fittizia, che non conteneva caffeina.

    Il risultato? I bevitori assennati erano completamente assuefatti: il caffè non aveva alcun effetto ristoratore e il livello di allerta era rimasto pressoché invariato. In compenso, gli stessi soggetti erano immuni anche agli effetti collaterali tipici della bevanda. In tal senso, Rogers spiega “Con il consumo frequente di caffè si sviluppa innanzitutto una tolleranza agli effetti ansiogeni della bevanda, che quindi non provoca più agitazione. Qualcosa di simile avviene anche per l’attenzione e la lucidità mentale: in chi beve caffè spesso l’effetto di «sveglia» si perde. Anzi, succede che quando si è in astinenza da caffè, fra una tazzina e l’altra, il livello di attenzione scende al di sotto della soglia «normale» per quell’individuo: bere la tazzina non fa “svegliare”, semplicemente riporta l’amante del caffè nella situazione-base” .

    E qual è la soglia della “dipendenza”? I medici consigliano di non bere mai più di due tre tazzine ogni giorno, per non mettere in pericolo il cuore. Tenete conto, però, che per diventare dipendenti bastano anche solo due tazzine. Per gustarvi un caffè fino in fondo, approfittando dell’effetto-sveglia della caffeina, bevetelo solo quando siete davvero stanche.

    Foto da:

    faitango.files.wordpress.com