Torcicollo: 5 cose da sapere

5 cose da sapere sul torcicollo, un quintetto di informazioni che è meglio avere sulla fastidiosa contrattura muscolare che colpisce il collo.

da , il

    Torcicollo, un’eventualità tanto frequente quanto dolorosa che rischia di mettere a dura prova collo e muscolatura circostante. Infatti, non è altro che una contrattura muscolare, localizzata soprattutto a carico dello sternocleidomastoideo, un muscolo laterale del collo che, a causa del suo accorciamento, costringe la testa del malcapitato in una posizione viziata caratteristica. Il capo, volente o nolente, è inclinato di lato, leggermente proteso in avanti e ruotato dalla parte opposta rispetto al muscolo colpito. Ma cerchiamo di saperne ancora di più, ecco 5 cose da sapere sul torcicollo.

    1. In sintomi e le cause

    Da non confondere con il più generico mal di collo, o cervicalgia, il toricicollo è caratterizzato dal blocco del collo, complice la contrattura dei muscoli, e dall’anomala inclinazione e rotazione della testa. In aggiunta, oltre alla posizione della testa che ne rende difficoltosi se non quasi impossibili i movimenti, si avverte una forte sensazione di dolore, che aumenta progressivamente se si esercita una pressione sul muscolo colpito e se si tenta di raddrizzare il capo. Tra i responsabili più accreditati in caso si torcicollo ci sono sicuramente i movimenti sbagliati e i piccoli traumi legati al sovraccarico, al mantenimento prolungato di una posizione lavorativa fissa, tipica delle professioni sedentarie, o alle posture scorrette tenute troppo a lungo, anche durante il sonno.

    2. Il calore è un ottimo alleato

    In caso di torcicollo, oltre ai farmaci miorilassanti e antinfiammatori che possono alleviare i sintomi e i fastidi, si può sfruttare tutto il potere decontratturante del calore. In particolare, possono essere utili degli impacchi con la borsa dell’acqua calda o i getti di acqua a temperatura elevata sulla zona dolorante. Il calore, infatti, facilita sia la riduzione della contrattura muscolare sia la distensione e il rilassamento della zona.

    3. Massaggi ad hoc

    Ottimi alleati per porre rimedio al torcicollo sono sicuramente i massaggi. Non massaggi qualunque, ovviamente. Ma opportune e specifiche manovre di terapia manuale, dalla blanda trazione alla pressione modulata, affidate a mani esperte. Il consiglio, per evitare di peggiorare la situazione invece di migliorarla, è di rivolgersi sempre a un medico o a un fisioterapista esperto.

    4. L’importanza della prevenzione

    Se massaggi e rimedi sono utili, altrettanto importante è la prevenzione. In particolare, meglio puntare molto sulla strategia preventiva, mirata a: ridurre i possibili elementi scatenanti e migliorare le condizioni funzionali del collo. Allo scopo, meglio modificare la postura e soprattutto correggere le cattive abitudine posturali, come per esempio mantenere il collo in una posizione fissa quando si lavora, si studia o anche quando si guarda la televisione, e migliorare le condizioni la funzionalità del collo grazie a un programma mirato di esercizi che migliorino le qualità di movimento, di forza e di stabilità della colonna cervicale.

    5. Piccoli accorgimenti quotidiani

    Prevenzione, poi, significa anche piccole ottime abitudini quotidiane. Come muoversi di tanto in tanto durante il giorno se si svolge un lavoro sedentario. Basta prendersi, ogni mezz’ora, una breve pausa per cambiare posizione, fare qualche passo. E’ sufficiente anche muovere la testa e le braccia, evitando di mantenere sempre la stessa posizione. Attenzione, per chi lavora alla scrivania, anche a come è posizionato il computer: è bene che lo schermo sia appoggiato direttamente sulla scrivania frontalmente rispetto all’interessato, perché questo modo lo sguardo è solo lievemente rivolto verso il basso e il collo, mantenendo una posizione più naturale ed evitando le dannose tensioni continue a carico dei suoi muscoli.