Testoterone: un nemico per la memoria delle donne

da , il

    I risultati di uno studio condotto di recente in Svezia rivelano che la cura a base di testosterone non apporta benefici ne’ alle capacita’ mnemoniche delle donne sottoposte a isterectomia, ne’ alle donne in post-menopausa. Sembra, dunque, accantonata l’ipotesi che la somministrazione di piccole quantità di testosterone possa migliorare effettivamente la perdita di memoria comune sia alle donne sottoposte alla procedura chirurgica, sia a quelle che dopo la menopausa intraprendono terapia ormonale sostitutiva.

    Dunque, Le donne che a seguito di isteroctemia prendono anche piccole quantità di androgeni, ma anche quelle che a seguito della menopausa intraprendono la terapia sostitutiva, vedono peggiorare la loro memoria sensibilmente rispetto alle donne che prendono il solo estrogeno.

    La ricerca è stata condotta presso la Kullbergska Hospital di Katrineholm in Svezia ed è stata pubblicata sulla rivista internazionale Menopausal.

    Il team di ricercatori ha seguito 44 donne sottoposte a isterectomia, non dovuta a tumore, metà delle donne hanno assunto estrogeno e testosterone, mentre l’altra metà solamente estrogeno e placebo per 5 mesi e mezzo, dopodiché il trattamento è stato interrotto ed invertito.

    Alle pazienti, in seconda battuta, è stato chiesto di compilare dei questionari, e dall’analisi attenta di questi ultimi si è riscontrato che la terapia con estrogeni è in grado di migliorare alcune funzionalità mnemoniche, al contrario, la somministrazione di testosterone ha il potere di azzerare questi benefici.

    Per arrivare a risultati e conclusioni definitive sull’argomento servono però ulteriori studi, poichè è vero che con la menopausa si azzerano gli androgeni prodotti, ma la terapia sostitutiva non sembra dare i risultati sperati.

    Dolcetto o scherzetto?