Tè matcha: benefici, usi e controindicazioni

Tè matcha: benefici, usi e controindicazioni
da in Alimentazione, Rimedi naturali
Ultimo aggiornamento:
    Tè matcha: benefici, usi e controindicazioni

    Il tè matcha è un vero concentrato di proprietà e benefici, per i quali conosceremo usi e controindicazioni in questo articolo.
    Il tè Matcha, antica tradizione della cultura asiatica, è la bevanda del momento! È una specialità più raffinata del tè verde, la cui polvere viene ottenuta attraverso la macinazione a pietra. Le sue foglie vengono ormai coltivate in diverse parti del mondo, tuttavia la qualità migliore è quella che viene raccolta e prodotta in Giappone. La terra d’origine del tè matcha, però, è la Cina, dove veniva comunemente utilizzato nella cerimonia del tè già nel 10° secolo d.C.

    Il tè matcha non è una semplice bevanda, ma un vero e proprio concentrato di benefici: è infatti molto usato dai monaci buddisti per agevolare la meditazione. A dargli il particolare aroma erboso sono le sue foglie, raccolte a mano, seccate e ridotte in polvere finissima da mulini in pietra. La polvere così ottenuta viene utilizzata per sospensione (polvere in acqua), così da conferirgli una maggiore concentrazione di sostanze rispetto alla tecnica dell’infusione.
    Grazie a questo particolare procedimento di realizzazione, le proprietà del tè matcha sono molteplici:

    Recenti studi hanno infatti dimostrato che le foglie del tè matcha hanno proprietà detox di gran lunga superiori a quelle del tè verde. Inoltre, la presenza di clorofilla fa di questa bevanda una bevanda con uno speciale effetto drenante.

    Ricco di vitamine, sali minerali, clorofilla, carotene, caffeina, polifenoli e diversi aminoacidi, il tè matcha è diffusamente conosciuto per le sue proprietà calmanti, importanti per ridurre lo stress fisico e psicologico.

    Il tè matcha contiene 70 mg/g di catechine, antiossidanti appartenenti alla categoria dei flavonoidi con proprietà antiage, diuretiche, drenanti e disintossicanti. Rispetto al tè verde, principale fonte di catechine, il tè matcha ne contiene di più.

    Consumare tè matcha quotidianamente, facilita l’eliminazione delle feci e delle tossine accumulate nell’organismo. È una speciale protezione per il fegato e un efficace rimedio contro l’acidità di stomaco.

    Inoltre, aiuta a perdere peso perchè riduce la sensazione di fame e ha un basso contenuto di calorie.

    Oltre ad essere riconosciuto come un potente antiossidante, il tè matcha è particolarmente apprezzato come rimedio contro le scottature solari ma anche come protezione contro i raggi ultravioletti. Questo suo meccanismo di difesa è reso possibile grazie alla ricca quantità di polifenoli.

    Per l’alto contenuto di caffeina (34 mg ogni grammo di tè), rispetto al tè, il tè matcha è particolarmente indicato per chi studia o per cominciare la giornata con energia. Tuttavia, proprio questa sua caratteristica può risultare negativa se si esagera con il consumo della bevanda.

    Per il tè matcha non esistono vere e proprie controindicazioni, tuttavia, come per tutto, è bene non abusarne. Questa tipologia di tè, infatti, contiene una certa quantità di caffeina, per cui non è consigliato berne più di tre tazze al giorno perchè potrebbe causare tremori, palpitazioni o indigestione. Inoltre, il tè matcha può interferire con medicine e integratori usati a scopo terapeutico o con altre sostanze in uso.

    694

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneRimedi naturali

    Speciale Pasqua

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI