Stress, le italiane più colpite d’Europa

da , il

    stress donne italiane

    Chissà perché la notizia non mi sorprende: secondo un sondaggio realizzato dalla Nielsen, le donne italiane sono le più stressate d’Europa. 6.000 in tutto le signore intervistate sulla condizione femminile che, seppur risultata migliorata rispetto al passato, vede le donne in una situazione ancora difficile. La parità dei sessi tanto cercata e duramente ottenuta (ma non fino in fondo, come sapete e come si evince da questo sondaggio) ha avuto nel genere femminile una serie di effetti collaterali, primo fra tutti lo stress.

    Al fianco del ruolo di “fatine del focolare domestico” le donne moderne ora lavorano pure! Il risultato è che non hanno più tempo da dedicare a loro stesse e al relax. In sondaggio, intitolato “il carrello rosa” ha evidenziato come il tempo a disposizione sia sempre meno rispetto a compiti vecchi e nuovi: gli acquisti di beni per l’igene personale e per il cibo continuano ad essere un esclusivo appannaggio delle donne. E lo stress si sa, non fa mai bene, aumenta il rischio cardiovascolare, abbatte il sistema immunitario, danneggia la memoria e spesso provoca anche un’incessante caduta di capelli. Care amiche di Pourfemme da qui inizia un ciclo senza ritorno: si abbatte l’autostima e si cade in depressione, subentrano la stanchezza fisica e psicologica e diventa tutto più complicato da portare a termine. E lo stress aumenta.

    Quante di voi si riconoscono anche in minima parte in questa descrizione? Siete in linea con il 46% delle donne europee che assolutamente si sentono stressate per i troppi lavori da svolgere o comunque in quel 58% che lamentano troppo poco tempo a disposizione. Le italiane accusano stress nel 52% e poco tempo nel 64% dei casi. Una gran parte del malessere e del disagio riportato dalle intervistate dipende essenzialmente dagli stili di vita moderni che tendono a comprimere il tempo e ad offrire rare effettive possibilità di svago. Ma nel nostro Paese purtroppo i fatti sono peggiori perché non esiste un sistema socio-politico che supporti le donne mogli-madri-lavoratrici. Anche la cultura generale infierisce: il 58% delle donne ha ancora tutte le incombennze domestiche sulle proprie spalle, mentre altrove sono adeguuatamente distribuite con i compagni di sesso maschile. Ritagliare del tempo per se stesse diventa sempre più difficile, ma è importante pretenderlo, ne va della salute di noi donne!

    Foto: Ashley Campbell