Stipsi cronica: sintomi da riconoscere e rimedi da adottare

da , il

    stipsi cronica sintomi rimedi

    Quando si parla di stipsi (o costipazione o stitichezza) si fa riferimento ad una diminuzione della frequenza della defecazione e/o alla difficoltà di passaggio delle feci. Si tratta di una condizione piuttosto comune, e che tende a divenire cronica con un forte impatto sulla salute fisica generale dell’individuo che ne è colpito, e anche dal punto di vista emotivo e sociale. La recente ricerca LIRS (Laxative Inadequate Relief Survey), condotta da Doxa Pharma ha evidenziato come in Italia la stipsi cronica riguardi un cittadino su 4 e nell’80% dei casi le donne.

    I sintomi della stipsi cronica

    In generale la stitichezza non è una malattia, ma solo un sintomo di un’alterazione nel fisiologico percorso digestivo. Assume il carattere di patologia quando diventa per l’appunto, cronica, ovvero costringe il paziente a cambiare le abitudini di vita e all’utilizzo di farmaci, il tutto per evitare l’ulteriore sintomatologia correlata. Gli stitici lamentano infatti nella maggior parte dei casi un senso di pesantezza di stomaco, a volta abbinata a nausea, gonfiore addominale correlato da dolori e crampi, stimolo all’evacuazione senza successo, o comunque sensazione di un’attività incompleta; ma anche in pratica, dolore durante lo sforzo prolungato (e la fuoriuscita frequente di emorroidi); mal di testa, sonnolenza , perdita di appetito, ed infine alito cattivo. Pericoloso il blocco intestinale completo che può portare anche a febbre.

    Farmaci e rimedi per contrastare la stipsi cronica

    In tutti i casi, è necessario sempre modificare gli stili di vita (soprattutto per ciò che riguarda l’alimentazione e l’assunzione di acqua). Un minimo di attività motoria è sempre consigliato. Nei casi più severi ovviamente onde evitare un blocco intestinale è importante stabilire con il medico gastroenterologo una dieta specifica ed altri trattamenti: non vanno assunti farmaci o lassativi (soprattutto per molto tempo) senza la prescrizione del sanitario, si rischia di peggiorare la situazione. In generale in commercio è posibile trovare diversi tipi di trattamento: esistono dei lassativi di origine naturale, come le foglie di senna, che vanno bene però solo per il breve termine, perché alla lunga possono avere spiacevoli effetti collaterali, lo stesso vale per gli oli minerali; integratori di fibre alimentari; il polietilene glicole (lassativo che trattiene i liquidi); il lattulosio ed il sorbitolo (utilizzabili anche a lungo termine) ma hanno effetti collaterali spiacevoli come i dolori addominali e attacchi diarroici;

    Se volete approfondire questa tematica potete leggere anche i seguenti articoli:

    Stipsi, depurarsi con le minestre

    Stipsi, si combatte con i semi di psilio

    Stitichezza, 10 rimedi naturali per sconfiggerla