Spirale anticoncezionale: costo, utilizzo, efficacia e controindicazioni

Tutto quello che devi sapere su questo metodo contraccettivo per evitare una gravidanza indesiderata

da , il

    La spirale anticoncezionale: come funziona

    La spirale anticoncezionale è uno dei contraccettivi femminili più amati dalle donne perchè ha una efficacia simile a quella dei contraccettivi ormonali ma non presenta lo svantaggio di doversene ricordare tutti i giorni. Ma l’utilizzo della spirale contraccettiva può presentare effetti indesiderati e controindicazioni. Vediamo allora i vantaggi e gli svantaggi, il costo e la protezione di questo metodo anticoncezionale.

    Utilizzo

    La spirale anticoncezionale, o IUD, acronimo di Intra Uterine Device, è un contraccettivo molto comodo formata da un dispositivo di forma a T della lunghezza di pochi centimetri (circa 4) e dal peso di pochissimi grammi. Essa modifica la composizione della mucosa uterina impedendo agli spermatozoi di fecondare la cellula uovo.

    Esistono svariati tipi di spirale, ma la maggior parte di esse sono:

    • Spirale al rame ha la forma di T ed è efficace proprio per merito del rame che si è rivelato un potente spermicida.
    • Spirale ormonale al levonorgestrel, gode dell’azione di questo ormone progestinico che viene liberato gradualmente e impedisce la fecondazione. Questo tipo di spirale viene scelto anche a scopo terapeutico in quei casi in cui si ha un flusso mestruale molto abbondante.

    Entrambe vengono inserite ambulatorialmente dal ginecologo all’interno dell’utero, e mantengono la loro efficacia contraccettiva per un numero di anni che dipende dal tipo di spirale, durante i quali il medico ad ogni visita annuale (se non dovessero sorgere delle complicazioni) controllerà che sia sempre nella sede corretta.

    Essa viene inserita con l’aiuto di una cannula flessibile in plastica, che attraverserà il collo dell’utero per posizionare la spirale in fondo all’utero. Una volta nella giusta posizione, la cannula viene sfilata e la spirale assume la sua forma a T. L’inserimento può portare a fastidio, piccoli dolori e crampi, e per queste ragioni spesso il medico consiglia l’assunzione di un blando antidolorifico.

    La spirale ha una funzionalità totale dopo 7 giorni da quando viene inserita, e la fertilità della donna ricomincia gradualmente nel momento in cui viene rimossa.

    La sua rimozione, sempre ad opera del ginecologo, diventa meno fastidiosa se effettuata negli ultimi giorni del flusso mestruale quando il canale cervicale è più ampio (questo vale anche per il suo inserimento), e la sostituzione con una spirale nuova può essere effettuata nella stessa seduta.

    Efficacia

    La spirale anticoncezionale un metodo efficace e, una volta inserita, svolge un’azione contraccettiva permanente per 3, 5, o 10 anni, a seconda del tipo di spirale scelta. L’efficacia contraccettiva della spirale in rame ha un tasso di fallimenti pari a 0.6 gravidanze per 100 anni d’uso continuo.

    Costo

    La spirale ha un costo che va dalle 100 a poco più di 200 euro per la spirale con progesterone a lento rilascio, a cui vanno aggiunti i costi della visita ginecologica per il suo inserimento, quelle delle visite di controllo successive, e quella per la sua rimozione. In alternativa è possibile procedere attraverso l’Asl, e i costi saranno in base al ticket. Il costo della spirale può apparire alto, ma in realtà non è assolutamente più alto rispetto per esempio all’utilizzo della pillola anticoncezionale.

    Controindicazioni

    Vi sono donne a cui non è consigliabile l’utilizzo della spirale anticoncezionale:

    • Le donne che non hanno mai avuto gravidanze, perchè c’è il rischio che la spirale venga auto-espulsa
    • Le donne in gravidanza
    • Le donne molto giovani, perché esiste la possibilità che insorgano infezioni che possono portare alla sterilità
    • Le donne che hanno infiammazioni o infezioni genitali in atto
    • Le donne con utero retroflesso
    • Le donne che hanno avuto tumori all’apparato riproduttore
    • Le donne che hanno appena partorito o che hanno subito un aborto, perchè è meglio aspettare che l’utero torni alle sue dimensioni abituali.

    Con l’utilizzo della spirale il ciclo mestruale potrebbe modificarsi e diventare leggermente più fastidioso e abbondante, con leggere perdite intermestruali nei primissimi mesi dopo la sua applicazione.

    Ricordiamo che nessuna spirale contraccettiva offre una protezione contro l’infezione HIV e le altre malattie sessualmente trasmissibili.