Sordità: domani la giornata nazionale Airs

da , il

    sordità giornata nazionale

    Sordità, ovvero una patologia che colpisce ben 8 milioni di italiani benché in modo e più o meno invalidante. Domani si celebra l’VIII° Giornata Nazionale AIRS per la Lotta alla Sordità in tutta Italia. Molte strutture pubbliche (circa 250), saranno a disposizione degli interessati per una visita di controllo gratuita all’udito. Ogni anno il 35% delle persone che si sottopone a test di questo tipo scopre di avere problemi all’apparato uditivo.

    E’ una patologia che colpisce indifferentemente uomini e donne di ogni età. Ogni anno ad esempio nascono almeno 1.000 bambini affetti da sordità congenite che se non diagnosticate per tempo e dunque trattate chirurgicamente e/o farmacologicamente oltre che con una corretta riabilitazione, potrebbero portare questi piccoli pazienti a sviluppare difficoltà e disturbi del linguaggio. Conseguentemente ne potrebbe risentire l’inserimento scolastico e psicosociale dei bambini stessi.

    Ci sono poi i giovani: ragazzi con un errato stile di vita che tendono a mettere a repentaglio il loro udito a causa dell’abitudine all’ascolto di musica ad un volume troppo alto; le persone adulte in età lavorativa che a causa dell’inquinamento acustico ambientale a cui possono essere sottoposti quotidianamente, rischiano la sordità; ed infine ci sono gli anziani: l’apparato uditivo è molto sensibile al passare degli anni, è uno dei sistemi organici più soggetti a degenerazione! Inoltre, anche un’otite trascurata può portare a disturbi dell’udito.

    Ed infine ci sono gli acufeni: ancora un mistero per molti, di difficile terapia perché numerose le cause. Sono caratterizzati da ronzii e suoni molesti che si manifestano nell’orecchio della persona, più o meno continuamente ed in forma acuta. Immaginate cosa significhi ad esempio convivere con un fischio continuo nella testa? Avere difficoltà relazionali, cefalea, senso di stordimento, insomma una serie di disturbi che possono coinvolgere la vita sociale e provocare anche depressione.

    E’ per tutti questi motivi che l’Airs (Associazione Italiana Ricerca Sordità) vi invita a recarvi in una delle strutture preposte per un controllo. Basterà contattare il numero verde 800-066.763