Soia edamame, alleati di salute e bellezza

da , il

    Edamame alleati della salute

    Soia edamame è un termine che a molti, soprattutto ai fanatici della cucina orientale e, in particolare, di quella giapponese, non suonerà sicuramente nuovo. La vera novità, almeno per molti, è che i soia edamame sono gustosi alleati della salute e della bellezza. Una gioia per il palato tutta da sgranocchiare, come antipasto o contorno, ma anche un vero e proprio toccasana per l’organismo, grazie alle loro numerose proprietà benefiche che vanno dall’azione antiossidante a quella immunostimolante. Ma cerchiamo di saperne di più.

    Tutti i benefici per la salute

    I benefici dei soia edamame non sono da sottovalutare e, tantomeno, da sovrapporre a quelli garantiti dagli altri legumi della sua stessa categoria, anzi. Infatti, questi fagioli di soia in baccello, che hanno la caratteristica di non essere ancora completamente maturi quando vengono raccolti (sono all’80% della loro maturazione) sono tra le rare fonti vegetali di proteine complete, potendo vantare la presenza di tutti e nove gli aminoacidi essenziali.

    Una miniera di proteine, quindi, ma non solo. Dal sapore dolce e gustoso, delicato, ma anche deciso, croccanti e facilmente digeribili questi legumi sono ricchi di fibre e di vitamine, da quelle preziose del gruppo B a quelle altrettanto utili dei gruppi C, K ed E, così come di minerali di vario genere, dal fosforo al potassio, dal calcio al ferro.

    Un contenuto prezioso che fa dei soia edamame degli alleati formidabili per la salute e la prevenzione di malattie e fattori di rischio. Ha ottime proprietà antiossidanti e immunostimolanti; contrasta l’accumulo di colesterolo e l’incremento della pressione arteriosa, guadagnandosi un ruolo proteggi cuore e arterie. Come ha confermato una ricerca della North American Menopause Society, questi deliziosi baccelli, grazie al contenuto di isoflavoni, possono contrastare la comparsa dei più fastidiosi sintomi della menopausa, come le vampate o gli sbalzi d’umore, ma anche prevenire i fattori di rischio dell’osteoporosi. Il tutto con un contenuto limitato di grassi saturi.

    Soia edamame fa anche rima con benessere e bellezza. Il merito? Soprattutto degli isoflavoni, fitoestrogeni, cioè ormoni vegetali in grado di svolgere, complice la loro similarità, una funzione simile a quella degli estrogeni. Alleati contro il trofismo cutaneo, sono perfetti per nutrire la cute in profondità e prevenirne l’invecchiamento. Inoltre, grazie al riequilibrio ormonale, se abbinati a un buon consumo di acqua e un’abbondante dose di attività fisica, questi fagiolini di soia sono i protagonisti ideali anche della dieta anti-cellulite, delle abitudini alimentari che tengono alla larga l’inestetismo più odiato dalle donne.

    Come mangiarli?

    I soia edamame non sono così facili da trovare freschi dal fruttivendolo, almeno in Italia, se non da quelli specializzati in prodotti orientali. Da cucinare in padella o al vapore, però, si possono reperire, da poco, facilmente, nel banco surgelati del supermercato. Infatti, per avere questo sfizioso antipasto o contorno, proprio come viene servito al ristorante giapponese, tutto da sgranocchiare a casa propria, Orogel ha inserito i soia edamame, in baccello o meno, nella sua linea di surgelati Benessere.

    Contenuto di informazione pubblicitaria