Smettere di fumare potenzia le capacità cognitive del cervello

da , il

    Smettere di fumare cervello

    Smettere di fumare non fa solo bene ai polmoni, alla pelle, allo stomaco ecc, ma anche al cervello! Inteso proprio come capacità cognitive. Secondo quanto scoperto di recente da uno studio irlandese, le persone che riescono a farla finita con sigarette e affini, hanno un immediato beneficio in termini di qualità dell’attività celebrale. In parole povere, recuperano in forza mentale, potenziano, in questo modo, il loro cervello che il fumo aveva in qualche modo intorpidito. Sfatato, quindi, il luogo comune sbandierato da molti fumatori, che accendere la sigaretta faccia “pensare meglio”.

    In realtà, è solo una scusa, naturalmente. Che il fumo aiuti la socialità e stimoli la conversazione ecc. ecc., lo sappiamo, non sta in cielo né in terra. Ma neppure che aiuti la concentrazione mentale, anzi! I ricercatori del Trinity College and Research Institute di Dublino, attraverso una semplice risonanza magnetica a cui sono stati sottoposti tre gruppi di volontari (fumatori, ex fumatori, persone che non avevano mai fumato) sono riusciti a dimostrare che gli ex fumatori hanno le aree prefrontali, quelle che sono preposte al controllo del comportamento, più sviluppate.

    E questa maggior qualità cerebrale non si evidenziava solo rispetto ai fumatori, ma anche di chi le bionde le aveva sempre evitate. La forza di volontà necessaria per smettere con questo vizio, infatti, avrebbe il potere di attivare e potenziare proprio quelle aree cerebrali critiche per la gestione degli impulsi. Cosa significa?

    Che l’aver saputo vincere la continua tentazione di accendere una sigaretta, ha “fortificato” la capacità di controllo, e questo, naturalmente a beneficio di tutte le altre attività cerebrali in cui sia necessario esercitare questa funzione. I risultati dello studio irlandese sono stati pubblicati sulla rivista Psychology and Sociology. Insomma, smettere di fumare fa bene al corpo e rende pure più resistenti e intelligenti. Non ci sono più scuse!