Seri disturbi di salute per i bambini vittime di abusi

da , il

    Problemi salute bambini abusati

    I bambini vittime di abusi fisici o psicologici, o che siano stati costretti ad assistere a scene di violenza con protagonisti i loro genitori, hanno l’86% in più di probabilità di sviluppare seri problemi di salute di tipo psico-somatico. Mal di testa, insonnia, mal di stomaco, sono solo alcuni dei disturbi a cui i piccoli abusati vanno incontro, e che segnalano, in modo inequivocabile, il loro stato di malessere e di disagio. A scoprirlo sono stati i ricercatori svedesi della Karlstad University, coordinati dal prof. Staffan Janson, grazie ad una ricerca che ha coinvolto 2500 bambini (maschi e femmine), di età comprese tra i 10 e i 15 anni.

    “Ai bambini è stato chiesto se avessero avuto uno dei seguenti sintomi almeno due volte nell’ultimo mese: mal di stomaco, mal di testa, insonnia, vertigini, mal di schiena e perdita di appetito – ha spiegato Janson – Sono anche stati interrogati circa 13 comuni condizioni croniche, bullismo e rendimento scolastico, per eliminare eventuali altri fattori che potrebbero causare i sintomi, e sul fatto che fossero stati oggetto di abusi fisici o testimoni di IPV (violenza domestica tra genitori n.d.r.) a casa”.

    Analizzando tutti i dati raccolti dall’indagine, è emerso che uno su sei era stato vittima di abusi direttamente (a livello fisico, psicologico o entrambi) o aveva assistito a episodi di IPV, e di questi il 41% aveva sviluppato fino a tre disturbi psicosomatici insieme, con gravi conseguenze sulla salute in generale e sulla qualità della vita.

    “Il nostro studio dimostra una chiara associazione tra alti livelli di sintomi psicosomatici e un aumento del rischio di abuso fisico”, ha concluso Jansen, suggerendo a educatori e operatori sanitari che dovessero trovarsi di fronte e casi di evidenti e ripetuti problemi di natura psicosomatica nei minori, di indagare proprio per scoprire che non vi sia una storia di violenze alle spalle del soggetto. Lo studio, davvero angosciante, è stato pubblicato sulla rivista Acta Paediatrica.