Se proprio non riuscite a dire stop al fumo, almeno bevete tè invece che caffè, vi proteggerà

da , il

    Te e sigaretta

    Adesso non saltate di gioia, cari fumatori incalliti, convinti di aver trovato la scappatoia per tenervi il vizio del fumo senza incorrere nei terribili effetti collaterali che ben sappiamo, causati dal tabacco e dalla nicotina (e dal catrame). Insomma, se siete abituati, come del resto la stragrande maggioranza dei fumatori italiani, ad abbinare la sigaretta ad una energetica tazzina di buon caffè, magari il classico espresso al bar, bè, cambiate bevanda. Optate per un buon , quello nero, classico, e i vostri polmoni anneriti vi ringrazieranno.

    Secondo quanto scoperto dal dott. Koustubh Panda, Direttore del Dipartimento di Biotecnologia dell’Università indiana di Calcutta e Direttore del Biotech Development Corpotation del Bengala Occidentale (WBBDC), assumere tè nero aiuta i fumatori a non sviluppare malattie legate proprio alle sigarette, come l’enfisema polmonare, grave patologia, spesso trascurata, che però costituisce addirittura la quarta causa di morte a livello mondiale.

    Tutto merito delle proprietà antiossidanti del tè nero, la varietà peraltro più diffusa di questa piantina così rinomata. “Il novanta per cento delle vittime di enfisema sono fumatori di sigarette – ha spiegato il prof. Panda, nel corso della recentissima Conferenza svoltasi a Nuova Delhi proprio per riunire gli scienziati che a livello mondiale si siano occupati di studiare le virtù protettive della salute e anche curative del tè – Gli antiossidanti presenti nel tè nero possono prevenire l’ossidazione indotta dal fumo di sigaretta nelle proteine del polmone e protegge quindi contro l’enfisema”.

    Quindi, conclude Panda: “Il tè può agire come salvatore per tutti color che non hanno la forza di volontà per dare un calcio al vizio. Tuttavia, questa ricerca non vuole incoraggiare le persone ad iniziare a fumare”. E ci mancherebbe, aggiungo io!