Scottature da lampada solare: rimedi e quanto durano

Se si ricorre alle lampade abbronzanti per avere una bella abbronzatura caraibica in poco tempo, può capitare di dover combattere con la scottatura da lampada solare dovuta all'eccessiva esposizione ai raggi UVA. Per alleviare i fastidiosi sintomi che compaiono sulla pelle si può far uso di diversi rimedi. Tuttavia, è importante non sottovalutare i danni dovuti a esposizioni incontrollate alle lampade.

da , il

    Scottature da lampada solare: rimedi e quanto durano

    Quali sono i rimedi e quanto durano le scottature da lampada solare? L’esposizione ai raggi UV in modo contenuto è utile perchè ha la capacità di stimolare la produzione della Vitamina D. Tuttavia, sono numerosi i possibili rischi legati ad una loro eccessiva esposizione: eritemi, disidratazione, rughe, macchie e aumento del rischio di sviluppare melanoma, sono solo alcuni. Le scottature ne sono un sintomo ben fastidioso, ma con l’ausilio dei diversi rimedi, naturali e non, è possibile limitarne danni e durata.

    Caratteristiche delle scottature da lampade

    La scottatura dovuta alla lampada solare si ha quando la quantità di esposizione alla fonte di luce ultravioletta supera la capacità del pigmento protettivo del corpo, la melanina, utile per proteggere la pelle. Le persone con la pelle chiara ovviamente devono essere particolarmente attente a riguardo, in quanto può verificarsi un danno in appena quindici minuti di esposizione alle radiazioni solari e artificiali. A causa fatto di essere utilizzate in luoghi chiusi e meno aerati dell’ambiente esterno, un’altra caratteristica delle lampade solari è che tendono a disidratare maggiormente la pelle della luce solare naturale. Inoltre, penetrando in profondità nel derma le radiazioni UV interagiscono con le cellule produttrici di collagene ed elastina, ossia le sostanze da cui dipendono il tono, la compattezza e l’elasticità cutanea, accelerandone la degenerazione e i processi di invecchiamento.

    Per chi è sconsigliata la lampada solare

    Secondo i dermatologi, l’abbronzatura artificiale dovrebbe essere assolutamente vietata al di sotto dei 18 anni e al di sopra dei 60, alle donne in gravidanza o che assumono anticoncezionali ormonali, a chi soffre o ha sofferto di malattie autoimmuni, ai soggetti in trattamento con farmaci fotosensibilizzanti e a chi ha personalmente sperimentato o ha parenti stretti che hanno sofferto di melanoma. Molti, inoltre, sconsigliano fortemente l’uso delle lampade UV a chi ha un fototipo basso (1-2), vale a dire capelli rossi o biondo chiaro, occhi azzurri o verdi e carnagione lattescente.

    Rischi delle lampade solari

    Le ricerche più recenti consigliano di utilizzare le lampade solari con prudenza e parsimonia perchè sarebbero associate ad un rischio maggiore di tumori cutanei e dell’invecchiamento precoce della pelle. La ridotta emissione di UVB delle nuove lampade abbronzanti potrebbe ridurre il rischio di scottature quando poi ci si espone al sole, ma l’aumento contemporaneo di UVA produce sulla pelle gli stessi danni del sole, se non peggio, perché emettono solo raggi ultravioletti concentrati.

    Le lampade di ultima generazione sono spesso troppo potenti, poiché si vuole constatare immediatamente l’avvenuta abbronzatura. Le lampade andrebbero utilizzate quindi il meno possibile per i ben noti effetti collaterali a breve e a lungo termine, come:

    • eritema solare
    • orticaria da raggi UV
    • dermatite polimorfa da raggi UV
    • invecchiamento cutaneo e inaridimento
    • reazioni fototossiche
    • reazioni fotoallergiche
    • tumori della pelle
    • danni alla cornea e alla congiuntiva

    Rimedi efficaci

    Le scottature da lampade solari guariscono generalmente da sole, anche senza l’ausilio di rimedi, entro una settimana dall’esposizione. Tuttavia, la situazione può presentarsi più grave se il tempo passato sotto i raggi UV è più lunga e priva di protezioni. Ecco le cure più utilizzate e di sicura efficacia per le scottature più lievi.

    Doccia fredda

    La sensazione di freddo e il prurito viaggiano lungo le fibre nervose stesse, così l’acqua fredda può “bloccare i circuiti” e attutire il prurito provocato dopo la lampada solare. È consigliato restare sotto la doccia per almeno cinque minuti.

    Gel d’aloe vera

    Applicare una lozione contenente gel d’aloe vera sulle parti del corpo pruriginose è uno dei rimedi più efficaci. L’applicazione dell’aloe, prodotto di estrazione naturale, può anche ridurre l’infiammazione, quindi questo è un ottimo metodo contro le scottature.

    Amido

    Risulta di particolare importanza assumere una generosa quantità di alimenti che contengono amido dopo una scottatura. I cibi che ne contengono di più sono ad esempio le patate e il riso. Questo perchè hanno la proprietà di idratare il corpo e decongestionare velocemente la pelle.

    Patata

    Un altro metodo naturale è quello di porre sulla parte in questione una fetta di patata o di mela per prevenire un eritema solare. Applicare le fette per almeno 10/20 minuti cambiandole con delle parti nuove quando le sentiamo troppo calde.

    Succo di limone

    Il succo acido del limone fornisce un disinfettante naturale che aiuta la pelle scottata a guarire, la vitamina C, che riduce la reazione del corpo alle scottature, aiutando ad alleviarne i sintomi. Spremere il succo di 3 limoni in una scodella. Aggiungere due tazze di acqua. Immergervi una spugna pulita e tamponare la zona del corpo scottata.

    Alimentazione

    La pelle può essere difesa dalle scottature attraverso l’alimentazione. In questo caso dev’essere ricca di frutta e verdura, in particolare di cibi vegetali ricchi di betacarotene, come carote, melone, albicocca e spinaci, e di vitamina E, quali olio di germe di grano, olio di girasole, frutti di bosco e avocado. Via libera inoltre ai pomodori che aiutano a mantenere l’abbronzatura oltre che a proteggere la cute.

    Quanto dura una scottatura?

    Per ciò che riguarda la durata delle scottature da lampade solari è importante considerare che varia in base alla gravità dell’episodio e dalla sensibilità della pelle. Generalmente dura 4-5 giorni, ma ogni caso è da valutare singolarmente. Per quanto riguarda il rossore post lampada, invece, è una condizione che ha dei tempi di guarigione che possono variare dalle poche ore al giorno dopo all’esposizione. Anche in questo caso, saranno diversi i fattori che concorreranno ad una ripresa più o meno veloce.