Scoprirsi affette da sclerosi multipla, e non mollare

da , il

    Scoprirsi affette da sclerosi multipla, e non mollare

    35 anni, una carriera in ascesa, una famiglia che ami, una vita che ti fa battere il cuore ogni singolo giorno. Tutto bene, se non fosse per qualche disturbo che attribuisci all’età o allo stress, nonostante tu sia nel pieno delle forze. Stanchezza, intestino pigro, disturbi vescicali, sdoppiamento della vista, a chi non capita di tanto in tanto? Non presti attenzione a quei sintomi così comuni finché un giorno ti diagnosticano la sclerosi multipla e la tua vita cambia radicalmente.

    Ti affatichi rapidamente, per camminare hai bisogno di supporti, andare al lavoro non è più una passeggiata ma un percorso ad ostacoli. E la malinconia, la sensazione di essere diversa, incompresa, sola, ti assalgono. Prima d’allora non sapevi che la SM colpisse moltissime donne già a partire dai 35 anni di età. Figuriamoci se avresti mai pensato di esserne affetta. Sembra un termine così lontano dalla quotidianità di una giovane donna, eppure solo in Italia oltre 110mila persone ne soffrono, di cui un 60% di sesso femminile. Purtroppo la sclerosi multipla è una malattia insidiosa, che passa spesso inosservata ma che, con i dovuti accorgimenti e grazie alle moderne terapie, può essere efficacemente combattuta. Proprio per informare e sensibilizzare il grande pubblico, il 25 maggio si celebra la Giornata Mondiale della sclerosi multipla, il cui claim è “la SM non mi ferma”.

    “La SM non mi ferma”: la Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla

    Il 25 maggio, in oltre 70 paesi del mondo, verrà celebrata la giornata Mondiale della sclerosi multipla, un’occasione unica per conoscere in modo approfondito questa malattia molto diffusa fra le donne e le persone di età compresa tra i 20 e i 40 anni. I dati statistici purtroppo parlano chiaro: nel mondo ben 3 milioni di persone ne soffrono, 600 mila in Europa e oltre 75mila in Italia. Ciò nonostante, per merito delle moderne terapie, le persone affette possono vivere bene e a lungo, purché intervengano con tempestività senza sottovalutare gli eventuali sintomi. Il claim della giornata quest’anno sarà “La SM non mi ferma” e grazie all’hashtag “#strongerthanMS” tutti potranno condividere la propria storia e le strategie adottate per viverla serenamente. Tutti i messaggi verranno poi pubblicati sul sito del World MS Day il 25 maggio: www.worldmsday.org.

    E le iniziative non si fermano qui: nell’ambito della settimana Nazionale della sclerosi multipla promossa da AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla con la sua Fondazione (FISM), dal 21 al 29 maggio, sarà possibile partecipare a tutta una serie di eventi tematici. Previsto al Teatro Parioli di Roma, il 26 maggio, uno spettacolo dolceamaro che metterà in scena la realtà della sclerosi intitolato, “Più Forte del Destino. Tra camici e paillette la mia lotta alla sclerosi multipla”. Mentre il 7 maggio è partito il tour di sensibilizzazione e raccolta fondi per la ricerca scientifica sulla SM, “Vietato mollare tour”, che vede la partecipazione di Oscar Civiletti, affetto da SM, e Paolo Pirozzi, Campione Ducati, in sella a due moto dello stesso marchio. Il viaggio a tappe si concluderà il 25 maggio a Roma. Sempre nella capitale, nel WMSDay, AISM terrà un convegno nazionale sui risultati della ricerca sulla Sclerosi multipla mentre in tante altre città italiane si prevedono convegni, iniziative di sensibilizzazione, eventi a scopo informativo. Altra novità del 2016, “Le erbe aromatiche di AISM”, piantine aromatiche che potranno essere acquistate al modico prezzo di una decina di euro per contribuire alla raccolta fondi per la sclerosi multipla.

    Dolcetto o scherzetto?