Scoliosi: riduce il rischio di anoressia e bulimia

da , il

    scoliosi anoressia bulimia

    La scoliosi riduce il rischio di anoressia e bulimia? Pare proprio di sì, almeno secondo l’ultima ricerca condotta dall’Isico (Istituto scientifico Italiano Colonna Vertebrale). Anche se l’abbinamento delle due cose può sembrarci atipico, così non è. Al contrario la letteratura scientifica ha da tempo abbinato le due malattie, sottolineando però il contrario: ovvero che la scoliosi potrebbe determinare un aumento dell’incidenza dei disturbi del comportamento alimentare. Lo studio italiano si pone dunque in controtendenza.

    Ma vediamo come si è giunti a tali conclusioni. I ricercatori del’Isico hanno coinvolto 187 ragazze di circa 15 anni in terapia per scoliosi idiopatica con corsetto ed esercizi e le hanno confrontate con 93 coetanee senza scoliosi. Spiega Fabio Zaina, uno degli specialisti dell’Isico: “fino a questo momento si è sempre creduto che ci fosse una percentuale maggiore di disordini alimentari (anoressia e bulimia) fra adolescenti con scoliosi idiopatica. Non a caso un recente studio realizzato a Roma presentava percentuali del 9,2% per l’anoressia e del 7,7% per la bulimia tra le giovani pazienti affette da questa patologia della colonna vertebrale. In realtà se possiamo associare alla scoliosi un indice di massa corporea più basso, probabilmente legata a differenze ormonali, per il resto noi abbiamo raccolto dati diversi. Abbiamo riscontrato una percentuale dell’1,6%, di disordini alimentari utilizzando un questionario di screening, l’Eat 26, fra i più accrediti per questo tipo di analisi”.

    Nel concreto, questa nuova ricerca insinua forti dubbi sulla connessione tra scoliosi e disordini alimentari, anzi, nei pazienti in terapia, addirittura il dato si inverte e diventa più basso di quello che è il tasso generale di anoressia e bulimia tra la popolazione totale. I risultati di questo lavoro dal titolo “Scoliosis in adolescents reduces the risk of eating disorders” verrà presentato il prossimo19 maggio nel corso dell’VIII Congresso Annuale di SOSORT (Society on Scoliosis Orthopaedic and Rehabilitation Treatment).