SLA: nuovo portale online dedicato alla ricerca

da , il

    sclerosi laterale amiotrofica

    Ogni anno mille italiani si ammalano di sclerosi laterale amiotrifica, una patologia progressiva del sistema nervoso, gravissima e incurabile, divenuta tristemente famosa per la frequenza con cui colpisce i calciatori. Da anni i ricercatori di tutto il mondo lavorano per trovare una cura efficace. Per accorciare le distanze spazio-temporali e favorire lo scambio di informazioni tra gli studiosi che lavorano in ogni parte del pianeta, l’Arisla (agenzia di ricerca per la Sla) ha da poco lanciato il sito web dedicato alla ricerca www.alscience.it.

    Grazie a internet, i ricercatori potranno incontrarsi ogni giorno, confrontarsi, scambiare idee e tenersi constantemente aggioranti. Ogni progresso della ricerca scientifica diverrà bene comune e potrà aprire le porte ad altri progetti, in un circolo virtuoso che faciliterà e velocizzerà il lavoro dei vari team di studio nel mondo.

    Fiore all’occhiello del nuovo portale è la sezione “Your Feedback”. Come descritto sul sito, si tratta di “Un vero e proprio media scientifico che si costruirà giorno dopo giorno grazie al contributo dei singoli ricercatori di tutte le nazionalità. In quest’area, infatti, saranno raccolti e resi accessibili a tutti articoli sulla Sla che, ad esempio, non hanno trovato spazio nelle riviste scientifiche a larga diffusione, ma che possono essere spunti e strumenti preziosi per chi ogni giorno è impegnato nella ricerca sulla malattia; abstract, poster e presentazioni integrali tenute nel corso di convegni o seminari su temi affini”.

    Non è finita qui: c’è anche una sezione dedicata ai giovani scienziati in erba, in cerca di lavoro o corsi di formazione nell’ambito della ricerca scientifica, in Italia o all’estero. Il sito raccorglierà, infine, il quadro complessivo della letteratura scientifica pubblicata fino ad oggi, che sarà aggiornata costantemente e a disposizione di ricercatori e giornalisti.