Salute bambini: più malattie per inquinamento

da , il

    Bambini con mascherine

    Ambiente in trasformazione e salute a rischio. Un binomio che conosciamo molto bene, ma che ci tocca da vicino più di quanto non immaginiamo. Negli ultimi 100 anni la temperatura media della superficie terrestre è aumentata di 0,74 gradi. La salute di tutti, specie quella dei bambini ne risente gravemente. L’effetto più conosciuto forse è quello delle malattie respiratorie, dovute all’inquinamento. Pensiamo all’asma ad esempio: secondo gli ultimi dati ne soffre in media il 10% dei nostri figli. Ma non fermiamoci a questo, perché solo nel vecchio continente, l’inquinamento provoca fino a 21.000 morti premature in un anno. Un summit a Parma si è occupato di questi problemi.

    Si tratta della Quinta Conferenza Interministeriale su Ambiente e Salute dal titolo “Proteggere la salute dei bambini in un ambiente che cambia“. L’ incontro è stato organizzato dall’Ufficio europeo dell’Oms (Organizzazione Mondiale Sanità), in collaborazione con il Governo Italiano, rappresentato dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’Ambiente. Partecipano oltre 800 personalità, tra ministri, esperti, commissari europei e delegazioni della società civile.

    Ambiente e clima in trasformazione non provocano solo inquinamento dell’aria e problemi delle vie aeree. Una diretta conseguenza ne sono le esondazioni dei fiumi, le montagne che franano, le piogge persistenti, il drastico alternarsi di ondate di gelo e venti caldi! L’inquinamento domestico è un altro problema rilevante e conseguente, che colpisce ovviamente in maggior misura le donne ed i bambini, che passano più ore in casa, in contesti umidi dove muffe e batteri hanno modo di diffondersi più facilmente. Da qui la diffusione di bronchiti, leptospirosi ecc.

    Nel corso della conferenza sono stati affrontati anche altri temi: la scarsità e l’inquinamento delle acque, l’alimentazione, lo scarso movimento, i prodotti chimici. Una sezione particolare è stata dedicata alla sicurezza sul lavoro. A conclusione dell’evento sono state indicate le linee guida di intervento per abbattere questi rischi.