Rughe: si combattono con il laser frazionato

da , il

    rughe

    Ecco, una delle ultime novità in fatto di chirurgia estetica, il laser frazionato. Si tratta, infatti, di una nuova tipologia di laser utilizzato per ridurre o eliminare le rughe, le macchie delle pelle o le cicatrici lasciate dall’acne, ma anche per effettuare lo skin resurfacing, il ringiovanimento cutaneo non ablativo. Il laser frazionato o frazionale, agisce bruciando delle piccole porzioni di tessuto in profondità, senza intaccare la pelle in superficie. Per questo motivo, i tempi di ripresa delle normali attività quotidiane sono molto brevi.

    Il laser frazionato, attraverso le fibre ottiche, produce dei piccoli fori in profondità, che provocano la denaturazione del collagene e la conseguente produzione di nuovo collagene, una proteina preziosa per la nostra bellezza, perché rappresenta l’impalcatura base dei tessuti cutanei. Le rughe, infatti, si formano proprio a causa del disgregamento delle strutture cellulari.

    Il trattamento con il laser frazionato produce un ringiovanimento e un miglioramento del tessuto cutaneo, senza lasciare segni in superficie. Questa particolare tipologia di chirurgia estetica, come accennavamo all’inizio, è utile per trattare svariati inestetismi del viso, del collo, delle mani o del corpo, come macchie solari e macchie senili, rughe intorno agli occhi e delle labbra, lentigo solari, cicatrici da acne, melasma e cloasma.

    Si tratta di un intervento solitamente ben tollerato. Non provoca dolore, la sensazione più frequente, infatti, è di una scossa. L’edema provocato dal laser dura poche ore e per aver un buon risultato sono necessarie mediamente 4 sedute. Il trattamento delle smagliature, invece, ne richiede di più.

    Il laser frazionato può costare tra i 250 e i 300 euro a seduta, mentre il trattamento del labbro superiore sui 100 euro a seduta.