Ritrovare il benessere con l’idroterapia

da , il

    Idroterapia

    Se vi sentite stanche e avete bisogno di ritrovare il benessere, l’idroterapia farà proprio al caso vostro! Si tratta, infatti, di una pratica particolare che sfrutta l’azione termica e meccanica dell’acqua a scopo terapeutico. Sin dall’antichità l’uomo ha imparato a conoscere le virtù dell’acqua, ma è solo nel XIX secolo che viene fondato il primo centro idroterapico, in Inghilterra dall’abate Sebastian Kneipp, che ufficializzò l’uso dell’acqua a scopi curativi. Il nostro organismo, infatti, reagisce a contatto con l’acqua a determinate temperature.

    Tra i trattamenti più diffusi troviamo la doccia scozzese, utilizzata per stimolare la circolazione sanguigna, e per purificare la pelle. E’ ritenuta la migliore forma di idroterapia e viene effettuata con getti di acqua fredda, a cui segue il calore di un telo da bagno riscaldato. Anche la sauna ha un’azione purificante, perché, attraverso il sudore, libera l’organismo dalle tossine accumulate.

    La talassoterapia, invece, fa uso dell’acqua di mare per curare i problemi circolatori e articolari. Il semicupio, utilizza sia l’acqua fredda, che l’acqua calda contemporaneamente, ma applicata su diverse zone del corpo. Si tratta di un metodo consigliato quando si soffre di stitichezza, di emorroidi e di disturbi alla vescica.

    L’idroterapia è una forma particolare di cura e non tutti possono sottoporsi alle sue applicazioni. E’ sconsigliata per i malati di cuore e per chi soffre di pressione alta, a cui fa male proprio la vaso-costrizione periferica, che può causare disturbi circolatori anche seri.

    La talassoterapia, invece, è sconsigliata per i bambini tra 1-2 anni di vita, per chi soffre di malattie nervose e per le donne incinte, che hanno il ciclo mestruale o che hanno appena partorito. Mentre, sia il bagno di mare che la sauna è sconsigliata per gli anziani con problemi di arteriosclerosi.

    Dolcetto o scherzetto?