Ritenzione idrica e rimedi naturali che funzionano

da , il

    Ritenzione idrica e rimedi naturali che funzionano

    Per curare la ritenzione idrica possiamo fare affidamento su rimedi naturali che funzionano davvero! A volte, quando notiamo qualche centimetro di troppo su fianchi o gambe non è detto che, necessariamente, siamo affette da adipe in eccesso o dalla cellulite. Può trattarsi, semplicemente, di ritenzione idrica, una delle più comuni nemiche delle donne. Tecnicamente, con il termine “ritenzione idrica” ci si riferisce a un disturbo che colpisce il 30% della popolazione italiana femminile e che riguarda la tendenza del corpo a trattenere i liquidi nell’organismo provocando un ristagno in determinate zone predisposte all’accumulo di grasso come cosce, glutei e addome. La diretta conseguenza di questo accumulo di liquidi è il gonfiore e la formazione della cellulite. Tuttavia, non bisogna dimenticare la salute ed il rischio di problematiche renali correlate alla pressione sanguigna.

    Le cause della ritenzione idrica

    La ritenzione idrica è l’accumulo di liquidi in eccesso negli spazi intercellulari, cioè tra cellula e cellula, ed è causata dallo squilibrio che intercorre tra il sistema venoso e quello linfatico, responsabili del trasporto e del filtraggio dei liquidi nel corpo. Il loro mal funzionamento provoca l’odioso ristagno, con conseguente gonfiore ed edema, soprattutto a livello degli arti inferiori.

    Le cause della ritenzione idrica possono essere molteplici. Generalmente, chi ne è affetto ha una predisposizione genetica, che va a legarsi a specifici stili di vita:

    • Una cattiva alimentazione, specialmente ricca di sale
    • Sedentarietà
    • Fumo di sigaretta
    • Consumo eccessivo di alcolici e di caffè
    • la Camminare con tacchi troppo alti
    • Indossare scarpe e indumenti che limitano il microcircolo
    • Abuso di farmaci come antiinfiammatori, cortisonici, terapia ormonale sostitutiva (menopausa)
    • Alcune formulazioni di pillole anticoncezionali

    Ritenzione idrica e dieta

    Per contrastare la ritenzione idrica sarebbe, quindi, necessario eliminare alcune cause e fattori di rischio modificabili come la sedentarietà ed il fumo di sigaretta, ovvero tutti quegli atteggiamenti quotidiani che non influiscono solo nell’equilibrio dei liquidi corporei, ma in generale sulla nostra salute. Tuttavia, a fare davvero la differenza sarà seguire le regole per una dieta sana ed equilibrata:

    • Limitare le quantità di sodio
    • Consumare preferibilmente cibi ricchi di fibre, come frutta e verdura
    • Evitare cibi ricchi di carboidrati raffinati come pane bianco, biscotti e dolci in genere
    • Bere almeno un litro e mezzo o due di acqua al giorno
    • Evitare le bevande alcoliche e zuccherate

    Inoltre, una volta ogni tanto, può essere molto utile seguire una dieta disintossicante per eliminare le tossine contenute nei liquidi che vengono trattenute nel corpo.

    I rimedi naturali

    Tra i rimedi naturali contro la ritenzione idrica sono particolarmente efficaci le piante con un’azione diuretica, quelle che favoriscono la circolazione e il drenaggio ma anche le piante che favoriscono l’eliminazione di tossine. Le piante officinali maggiormente benefiche sono acquistabili facilmente in erboristeria e sono:

    La pilosella

    Ha efficaci proprietà diuretiche e snellenti e per questo trova spesso applicazione nell’ambito del trattamento della cellulite. Ma è sopratutto un rimedio naturale molto apprezzato da chi ha necessità di drenare, combattere le infezioni urinarie o, semplicemente, disintossicare l’organismo.

    La betulla

    Ha importanti proprietà diuretiche e depurative, la cui azione diuretica sembra si esplichi attraverso l’eliminazione di acqua ma non di sali minerali. La linfa della betulla ha inoltre un importante potere disintossicante. Il suo utilizzo è efficace anche nei casi di sovrappeso.

    Il tarassaco

    Le proprietà del tarassaco favoriscono la microcircolazione ed elimina il ristagno migliorando l’elasticità e il tono delle pareti venose. Inoltre contiene principi attivi che hanno proprietà benefiche nei confronti di fegato e cistifellea.

    Il tè verde

    Questa bevanda ha molteplici proprietà: è antiossidante, diuretico, aiuta a ridurre i livelli ematici del colesterolo, previene l’aterosclerosi e rallenta i processi d’invecchiamento. Allevia, inoltre, il senso di stanchezza e di pesantezza. Il tè verde è anche utile per dimagrire.

    Il rusco o pungitopo

    È un arbusto sempreverde con azione antinfiammatoria e antiedemigena. È indicato, sopratutto, per coloro che tendono alla ritenzione idrica, all’edema, alla cellulite o che presentano varici a livello degli arti inferiori.