Raffreddore: si combatte con i rimedi naturali

da , il

    Cardamomo

    Con l’abbassarsi delle temperature, il raffreddore è dietro l’angolo, ma ecco un valido rimedio naturale a base di cardamomo. L’arrivo dell’inverno, infatti, è accompagnato dai classici malanni di stagione come l’influenza, la più comune tra le infezioni che colpiscono le prime vie respiratorie. Il cardamomo, una spezia di origine indiana, largamente usata in cucina, possiede insospettate virtù curative. Come lo zenzero, è in grado di agire sul sistema respiratorio, sull’apparto gastro-intestinale, ma anche sul sistema cerebrale e cardiocircolatorio.

    Il sapore del cardamomo è piuttosto forte e ricorda la scorza del limone e l’eucalipto. Solitamente si trova sotto forma di semi decorticati oppure in polvere. Il cardamomo, come dicevamo, è una spezia molto impiegata in cucina, soprattutto in India, in Pakistan e nei paesi arabi, ma possiede anche delle proprietà terapeutiche.

    L’essenza di cardamomo disciolta in acqua bollente, è molto utile per liberare le prime vie respiratorie. L’infuso di cardamomo, infatti, è in grado di eliminare quella fastidiosa sensazione di chiusura delle vie nasali, e di contrastare, nello stesso tempo, i sintomi di stanchezza e i sintomi influenzali.

    Ma il cardamomo svolge un’azione benefica anche al livello dell’intestino. L’essenza, infatti, se presa in minime dosi riduce l’aerofagia, e i casi di stipsi o di coliche intestinali, mentre se assunta in dosi più abbondanti, agisce come vero e proprio lassativo e depurativo.

    Tuttavia, l’utilizzo ne è sconsigliato quando si soffre di disturbi gastro-intestinali come la colite, l’ulcera o la gastrite.