NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Quando l’endometriosi causa infertilità e sterilità

Quando l’endometriosi causa infertilità e sterilità

L'endometriosi può intaccare l'ovaio, la vescica o l'intestino, provocando forti dolori e irritando i tessuti, creando una situazione non favorevole ad una gravidanza.

da in Disturbi Gravidanza, Endometriosi, Sterilità
Ultimo aggiornamento:
    Quando l’endometriosi causa infertilità e sterilità

    Per 1 donna su 10, l’infertilità e la sterilità femminile dipendono dall’endometriosi, una patologia di difficile individuazione causata dalla presenza di cellule dell’endometrio fuori dalla sua sede abituale, cioè l’utero, per la quale ancora non esistono terapie efficaci. Molte donne affette da endometriosi spesso decidono di rivolgersi alla procreazione assistita, ma la ricerca medica oggi riesce ad offrire buone possibilità di una gravidanza anche in donne che presentano questa patologia.

    L’endometriosi interferisce in diversi modi sulla fertilità, ossia la capacità di portare a termine la gravidanza, e la sterilità, ossia la capacità di concepire, e la causa può essere localizzata nelle ovaie, nelle tube o nel peritoneo. Tuttavia, può capitare che le pazienti non sappiano di soffrirne, perché l’endometriosi non sempre presenta una sintomatologia evidente.
    Purtroppo l’endometriosi è anche una malattia che sta diventando più frequente, perché oggi le donne scelgono di avere figli sempre più tardi, e questo rappresenta un fattore di rischio.

    Nonostante non sia ancora del tutto chiara l’associazione tra infertilità/sterilità ed endometriosi, gli studi sottolineano il coinvolgimento fra fattori immunitari o vascolari che ostacolano la funzionalità delle ovaie o l’instaurarsi di una gravidanza.
    I focolai dell’endometrio sembra che provochino una reazione di difesa dell’organismo, che impedisce l’annidamento dell’embrione nell’utero. Esiste anche una forma di endometriosi chiamata adenomiosi, che può impedire l’annidamento dell’ovulo fecondato.

    Inoltre l’endometriosi può portare alla formazione di aderenze ed ostruzioni che rendono difficile l’incontro tra l’ovulo e gli spermatozoi, nonchè l’impianto dell’embrione.
    Inoltre, alcuni studi hanno evidenziato un aumento del rischio di aborto, di complicazioni della gravidanza, e di gravidanze extrauterine per le donne con endometriosi, ma nulla di ciò è ancora affermabile con certezza.
    In caso di sintomi evidenti o davanti a problemi nel concepimento diventa quindi importante una diagnosi, che può essere ottenuta da una visita ginecologica, da un’ecografia transvaginale o anche da una laparoscopia per prelevare dei campioni da analizzare.
    Davanti ad un’endometriosi leggera si può attendere una guarigione spontanea e procedere con la ricerca di una gravidanza, ma nei casi più gravi, per superare il problema della fertilità o della sterilità bisognerà procedere con una terapia farmacologica o anche chirurgica.
    La terapia medianti farmaci che non compromettono la possibilità di avere una gravidanza consiste nell’utilizzare prodotti anti-estrogeni per atrofizzare l’endometrio ectopico, e i più utilizzati sono i progestinici e il danazolo e gestrinone.
    Per la cura della sterilità la terapia chirurgica adottata sarà di tipo conservativo, e viene eseguita mediante laparoscopia o laparotomia, liberando le aderenze, distruggendo le lesioni, e asportando le cisti ovariche.

    529

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Disturbi GravidanzaEndometriosiSterilità
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI