NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Quali sono i sintomi dell’allergia al latte e quali alimenti sostitutivi si possono mangiare

Quali sono i sintomi dell’allergia al latte e quali alimenti sostitutivi si possono mangiare
da in Alimentazione, Allergie, Approfondimenti, Latte, Massaggio, Prevenzione
Ultimo aggiornamento:

    Allergia latte sintomi

    Il latte è un alimento nutriente e completo, ma è anche causa di allergia e intolleranza in moltissime persone, spesso a partire proprio dai primi mesi di vita. Potrà sembrare strano, visto che il latte materno è il nostro primo cibo, ma proprio per le specifiche qualità e la digeribilità di questo prezioso alimento naturale, il passaggio a quello di mucca può risultare traumatico. Infatti, proprio il latte vaccino possiede delle sostanze, delle proteine, altamente allergizzanti, che se assunte dal bebè troppo presto, possono creare grossi problemi sia di tipo gastrointestinale che cutaneo.

    I pediatri consigliano le mamme di allattare al seno i propri neonati almeno fino al quarto mese, meglio se fino al sesto, proprio per rinforzare il loro sistema immunitario. Ma vediamo in cosa consiste l’allergia al latte e come si manifesta.

    Allergia al latte: cos’è?

    Innanzi tutto, va fatta una distinzione doverosa: l’allergia al latte è cosa diversa dall’intolleranza al lattosio. Mentre la prima riguarda fondamentalmente i bambini, ma a volte si trascina anche fino all’età adulta, la seconda si manifesta più facilmente dopo l’infanzia e riguarda l’incapacità di digerire lo zucchero del latte, cioè il lattosio. Noi oggi ci concentreremo sul primo disturbo, e sui suoi sintomi. Si stima che circa il 4-5% dei bambini sia allergico al latte di mucca, soprattutto quando predisposto a livello familiare perché figlio di genitori che a loro volta soffrono di qualche allergia o intolleranza alimentare. A volte questa forma allergica si risolve con la crescita, ma nello 0,1% dei casi non si guarisce. Tecnicamente, a provocare l’allergia, che è una reazione del sistema immunitario contro delle sostanze percepite come nocive, sono due proteine: la betalattoglobulina e la caseina.

    Quando vengono assunte per via alimentare, queste sostanze fanno “contatto” con gli anticorpo specifici che determinano una catena di reazioni nell’organismo, a tutto campo. Vediamo dunque i sintomi dell’allergia al latte.

    Allergia al latte: quali sono i sintomi?

    I sintomi dell’allergia la latte vaccino sono molto simili a tutte le altre reazioni allergiche di tipo alimentare, e interessano tre apparati: quello gastrointestinale, quello respiratorio e quello cutaneo. Ecco le reazioni più comuni:

      Respiratorie

    • Naso che cola o congestionato
    • Starnuti
    • Asma (difficoltà a respirare)
    • Tosse
    • Respiro affannoso
    • Cutanee

    • Gonfiore (edema) di labbra, bocca, lingua, faccia o gola
    • Orticaria
    • Eruzioni cutanee o arrossamenti
    • Prurito
    • Eczema (nei bebè dermatite atopica)
    • Gastrointestinali

    • Crampi addominali
    • Diarrea
    • Nausea
    • Vomito
    • Coliche
    • Gonfiore

    Allergia al latte: quali alimenti possono sostituire latte e derivati?

    Il latte è un alimento completo e prezioso dal punto di vista nutrizionale, e poi contiene tanto calcio, fondamentale per lo sviluppo osseo, ma non per questo eliminarlo dalla dieta di un bambino (o di un adulto) significa necessariamente che avrà dei disturbi o delle carenze. Esistono altri cibi che possono compensare questa eliminazione (che è necessaria anche per tutti i latticini e per gli alimenti che contengono tracce di latte nella preparazione). Per quanto riguarda gli adulti, via libera a tutti i latti vegetali (soja, riso ecc.), mentre attenzione ai neonati, la soja è anch’essa un cibo fortemente allergizzante. Dopo il primo anno di vita, però, si può tranquillamente inserire. Ottimi alimenti sostitutivi sono: carne di tutti i tipi (ma limitare manzo e vitello) pesce (salmone e sardine soprattutto), uova, pasta, pane e farinacei semplici (polenta, fette biscottate, semolino) verdure (tutte, soprattutto broccoli e legumi di ogni tipo) frutta (tutta), olio extravergine d’oliva.

    Per approfondire l’argomento: allergia al latte, e altri tipi di allergie alimentari, leggete inoltre:
    Pediatria: i bambini allergici al latte
    Allergie alimentari: i cibi rischiosi

    858

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneAllergieApprofondimentiLatteMassaggioPrevenzione
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI