Psicologia: perché le donne sopportano meno il dolore

da , il

    braccio di ferro

    Le donne sopportano il dolore meno degli uomini. A sostenerlo, è una ricerca coordinata da Qasim Aziz del Wingate Institute for Neurogastroenterology della Queen Mary University di Londra, che fa eco ad un altro studio condotto di recente da un gruppo di scienziati dell’University College di Londra e dell’Università Bicocca di Milano. Gli esperti, hanno osservato la reazione al dolore di 16 uomini e 16 donne, scoprendo che le donne hanno risposte più intense al dolore rispetto agli uomini.

    Lo studio si proponeva di comprendere in che modo i due sessi reagiscono al dolore cronico, come ad esempio quello causato dalla sindrome dell’intestino irritabile, una patologia quasi prettamente femminile, osservando le risposte cerebrali al dolore acuto.

    I ricercatori, così, hanno spiegato ai volontari, che di lì a qualche minuto avrebbero inserito nella loro gola un palloncino che avrebbe provocato un fastidio lieve. Dalla risonanze magnetiche è emerso come il cervello della donna, non appena saputo cosa sarebbe accaduto, ha fatto registrare una bassa attività nelle aree coinvolte nella paura, e una maggiore attivazione delle zone deputate alla pianificazione dei movimenti da non fare per evitare il dolore, a differenza del cervello degli uomini, che invece ha fatto registrare principalmente un’attivazione delle aree della paura.

    Nel momento della percezione vera e propria del dolore, invece, nella donna aumentava l’attività nelle aree cerebrali deputate alle emozioni e alla paura, con l’effetto di intensificare la sensazione dolorosa, mentre negli uomini si attivavano le zone predisposte all’evitare il dolore, che risultava chiaramente meglio tollerato.

    Il dottor Aziz ha spiegato che:

    Il fatto che le donne mostrano una maggiore attivazione delle aree cerebrali deputate alla trasformazione delle emozioni potrebbe suggerire un meccanismo per cui attribuiscono maggiore importanza emotiva agli stimoli dolorosi, e questo può influenzare il modo in cui percepiscono e rispondono al dolore rispetto agli uomini.

    Dunque, sarebbero queste le differenze alla base della percezione del dolore, ed ecco, perché secondo gli studiosi, gli uomini sono in grado di resistere meglio al dolore.

    Dolcetto o scherzetto?