Psicologia: le donne in carriera tradiscono come gli uomini?

da , il

    psicologia donne carriera tradimento

    La psicologia ci mette lo zampino e ci dice che le donne in carriera hanno preso esempio dai colleghi maschietti: hanno imparato a tradire di più il proprio partner. Pari opportunità? Un virus che si diffonde tra chi ha potere? Oppure semplici male-lingue? Nulla di tutto ciò. Alcuni ricercatori dell’Università di Tilburg in Olanda hanno condotto uno studio scientifico riguardo al comportamento di 1.561 professionisti: il 6% dirigenti, il 58% impiegato in posizioni non dirigenziali; il 22% con mansioni di supervisione e il 14% capi settore o ufficio.

    Lo psicologo Joris Lammers, che ha guidato la ricerca ha spiegato che non basta il “potere” da solo per determinare l’infedeltà di un individuo, ma gioca un ruolo determinante anche e soprattutto l’autostima, che si riscontra nella maggior parte delle persone con una carriera in ascesa. Questo da sempre ha riguardato gli uomini ed ora che le donne assumono maggiori ruoli in ambito professionale, può capitare anche a loro. Che dire? Una conclusione ineccepibile, ma forse meriterebbe un approfondimento sui numeri: ovvero, quante donne si trovano effettivamente in posizioni dirigenziali rispetto agli uomini; quante signore, lavoratrici madri e compagne, sono stressate perché hanno difficoltà a portare a termine tutti i propri compiti e dunque tra queste quante hanno la forza ed il tempo (materiale) per tradire? Che autostima c’è se l’uomo con le medesime mansioni è pagato di più? E l’autostima di una donna aumenta solo col suo successo professionale?

    Tutto ciò è molto importante, perché a parer mio conferma l’importanza anche psicologica dell’attività lavorativa nelle donne, diversa da quella degli uomini, ma pur sempre presente. Resta il fatto che per parlare di adeguamento ai comportamenti maschili nelle relazioni socio-familiari, a causa del lavoro, molto ce ne passa. Almeno in Italia. Già perché la ricerca in questione è stata condotta in Olanda, dove forse le donne lavoratrici sono considerate in modo diverso. Per aumentare la nostra autostima dunque non ci rimane altro che fare una bella passeggiata nel verde.