Proteggersi dalle infezioni si può, basta smettere di stringersi la mano quando si saluta…

da , il

    Infezioni stretta di mano

    In arrivo le prime infezioni stagionali (una sorta di pre-influenza sta già mietendo le prime vittime) e si torna a parlare di vaccini e campagna di prevenzione. Quest’anno è stato funestato da un (forse) eccessivo allarmismo per quanto riguarda virus e batteri, basti ricordare il panico generato in tutta Europa dal batterio killer che ha seminato morte soprattutto in Germania. Soprattutto i genitori in questo periodo dell’anno, si preoccupano per la salute dei proprio bambini, perché si sa che non esiste miglior ambiente di contagio di scuole e asili.

    Ma se non si può pretendere che i più piccoli vivano in una campana di vetro per timore che incappino in forme influenzali o altre tipiche malattie dell’infanzia, qualcosa di più, in termini di igiene, anzi, di comportamenti “igienici”, si può fare per gli adulti. Ad esempio le strette di mano. Lo sapevate che sono un formidabile veicolo di trasmissione di agenti patogeni da un individuo all’altro?

    Ebbene, proprio partendo da questa certezza, un virologo americano dell’Università di Stanford, Nathan Wolfe, ha da poco pubblicato un libro sull’argomento che sta già suscitando molto clamore negli ambienti scientifici. “The viral storm” (La tempesta virale), questo il titolo della pubblicazione, propone un metodo alquanto semplice per limitare la diffusione di microrganismi infettivi: smettere di salutarsi all’occidentale, con la classica stretta di mano, magari reiterata più volte al giorno, e cominciare a prendere esempio dagli orientali, che si limitano ad un educato, ma molto più salutare, inchino.

    “Dovremmo consigliare una stretta molto più sicura – spiega Wolfe intervistato dal britannico Sunday Times – ad esempio limitandosi a toccarsi i gomiti o ricorrendo agli inchini come in Giappone. Questo limiterebbe la diffusione degli agenti infettivi quanto altre misure come starnutirsi nel gomito invece che in mano”.

    Il fatto è che un qualunque virus influenzale è molto resistente, ed è in grado di sopravvivere anche 24 ore su maniglie o telecomandi del televisore, oggetti che tocchiamo sempre e ovunque. Insomma, verrebbe da dire, finiremo per uscire davvero tutti con la mascherina e i guanti, evitando di toccarci l’un l’altro, ma siamo sicuri che sia questo il sistema migliore per rinforzare il nostro sistema immunitario… ?