Prevenzione tumore al seno: torna l’iniziativa “lo shopping fa bene alla salute”

Ottobre è il mese della prevenzione del tumore al seno. Per il 25esimo anno consecutivo torna la campagna 'Nastro Rosa' organizzata dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Milano. Diverse saranno le iniziative per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla prevenzione. Tra queste quella dedicata allo shopping solidale della MonteNapoleone District.

da , il

    Prevenzione tumore al seno: torna l’iniziativa “lo shopping fa bene alla salute”

    A ottobre, per il 7° anno consecutivo, la MonteNapoleone District sostiene la campagna “Nastro Rosa”, promossa dalla LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Milano. Per il venticinquesimo anno consecutivo, la campagna continua a focalizzare l’attenzione su un tema fondamentale: la prevenzione del tumore al seno, per sensibilizzare la popolazione femminile sull’importanza della diagnosi precoce. Secondo le stime, il tumore al seno colpisce ancora troppe donne, ma le varie iniziative proposte in passato si sono dimostrate un utile strumento di informazione. E nel 2017?

    L’iniziativa solidale

    Sabato 30 settembre, le vie milanesi di MonteNapoleone, Verri, Sant’Andrea, Santo Spirito, Borgospesso e Bagutta si tingeranno di rosa in occasione della giornata dedicata allo shopping solidale, attraverso l’iniziativa “lo Shopping fa bene alla salute”.

    Le Boutique che sceglieranno di sostenere LILT Milano devolveranno il 10% dell’incasso dell’intera giornata. I fondi raccolti verranno come sempre impiegati per sostenere attività di prevenzione e diagnosi precoce del tumore al seno, realizzate dalla LILT.

    Quest’anno l’obiettivo sarà quello di raccogliere 570mila euro per acquistare tre mammografi digitali con Tomosintesi, destinati agli Spazi Prevenzione LILT Milano. Un ulteriore passo avanti nella lotta al tumore senologico perchè la Tomosintesi mammaria è una tecnologia tridimensionale ad alta definizione in grado di individuare lesioni molto piccole, che risulterebbero invisibili con l’esame tradizionale.

    Con i fondi raccolti nel 2016, invece, sono stati effettuate più di 30mila visite al seno, 16mila mammografie, circa 9mila ecografie mammarie e quasi 2.200 visite gratuite sull’Unità Mobile, negli Spazi Prevenzione e negli Atenei Milanesi.

    Il tumore al seno in Italia

    Il tumore al seno è il cancro femminile più diffuso in Italia. Nel 2016, sono state circa 50 mila le nuove diagnosi, facendo emergere un dato allarmante: la neoplasia più frequente in assoluto colpisce ancora una donna su 8.

    Tuttavia, la mortalità è in continuo calo, soprattutto grazie alla prevenzione. Oggi, infatti, la percentuale di sopravvivenza a 5 anni delle donne colpite dal tumore al seno, è vicina al 90% (25 anni fa era del 60%). Pertanto, la cultura della prevenzione e della diagnosi precoce, sostenuta in particolar modo dalla LILT, sta efficacemente sensibilizzando le donne di tutto il Belpaese.