Prevenire le malattie autoimmuni si può, basta una mela al giorno (con la buccia)

da , il

    Malattie autoimmuni mele

    Le mele fanno bene alla salute, e anche le malattie autoimmuni, quelle che sono determinate da un processo infiammatorio endogeno, come ad esempio la comunissima colite, possono trovare un nemico formidabile in questo delizioso frutto. Peraltro le mele italiane sono buonissime, e in questo periodo dell’anno anche di stagione! Ma torniamo alla notizia, sarebbero i gli antiossidanti e i polifenoli contenuti specialmente nella buccia delle mele, ad essere in grado di prevenire e spegnere le infiammazioni intestinali che sono tipiche di patologie come la già citata colite, anche nella variante ulcerosa, ma anche il morbo di Chron.

    A scoprire questa particolare virtù del frutto più comune che esista (ma non sempre apprezzato come meriterebbe), sono stati i ricercatori dell’Università USA dello stato del Montana a seguito di uno studio condotto su modello animale. In un primo momento gli scienziati hanno provocato la colite nei topini da laboratorio tramite somministrazione di DSS (Destrano Sodio Sulfato). Successivamente hanno suddiviso gli animali in due gruppi: il primo è stato curato con un placebo, il secondo con polifenoli estratti dalla buccia delle mele.

    Risultato? Le cavie che avevano assunto i polifenoli non avevano sviluppato la colite. Gli antiossidanti considerati, infatti, avrebbero un ruolo nell’inibire l’azione delle cellule T che sono importantissime come anticorpi del nostro sistema immunitario, ma che sono anche le responsabili dell’insorgenza delle malattie autoimmuni.

    Secondo gli studiosi, peraltro, l’assunzione dei polifenoli grazie all’alimentazione e non attraverso integratori sarebbe assai più efficace: “Molte persone con colite utilizzano alcuni integratori alimentari per completare le terapie convenzionali, ma la maggior parte delle informazioni sugli effetti sulla salute relativa alla medicina complementare rimane aneddotica – ha spiegato David W. Pascual, uno degli autori della ricerca – Inoltre, poco si sa su come funzionano queste terapie, se funzionano o meno.

    I nostri risultati mostrano che un prodotto naturale che si trova nella buccia della mela può sopprimere l’infiammazione del colon contrapponendosi alle cellule T infiammatorie al fine di migliorare la resistenza contro le malattie autoimmuni”. Insomma, sia che soffriate di colite o di altre patologie autoimmuni, che non, la morale è la stessa: mangiate tante mele con la buccia (meglio biologiche!).