Pressione alta: i sintomi da riconoscere [VIDEO]

da , il

    La top ten dei cibi contro la pressione alta

    Avere la pressione alta, ovvero soffrire di ipertensione, può essere molto pericoloso. Purtroppo è una patologia definita silente, perché colpisce senza dare sintomi evidenti. E’ tra le malattie più diffuse del mondo occidentale, si stima che ne soffrano almeno dieci milioni di persone, la metà dei quali purtroppo non sa neppure di avere questa patologia. In generale possiamo parlare di ipertensione arteriosa quando il suo valore minimo, (la cosiddetta diastolica) supera con regolarità i 90 mmHg ed il suo valore massimo i 140 mmHg.

    Pressione alta: i sintomi

    Pur trattandosi di una patologia silente, qualche piccolo sintomo che deve metterci in allarme esiste. In alcune situazioni, ad esempio, quando il suo innalzamento è improvviso, può scatenare un forte mal di testa, acufeni, cioè ronzii nelle orecchie, giramenti di testa e vertigini, senso di nausea e sudorazione fredda. Insomma, dei sintomi molto simili e confondibili con altre patologie, anche la stessa pressione bassa. La pressione alta in queste condizioni, può essere ignorata per molti anni, senza dare necessariamente problemi di salute, ma se trascurata a lungo porta direttamente a gravi rischi cardiovascolari, primo fra tutti l’ictus. In questa fase più pericolosa, quando cioè si convive da troppo tempo con l’ipertensione, i sintomi possono essere molto più precisi ed è qui che bisogna saperli riconoscere: svegliarsi con il mal di testa, soffrire di astenia, dispnea e tachicardia, vertigini ed acufeni costanti ed addirittura manifestazioni visive (vedere stelle o puntini luccicanti, magari in concomitanza della cefalea), sono tutti campanelli d’allarme della pressione alta, da prendere assolutamente in considerazione. Da aggiungere, anche l‘impotenza è uno dei sintomi, quindi amiche di Pourfemme, se il vostro compagno è affetto da tale disturbo, notate gli altri sintomi.

    Pressione alta: la prevenzione

    Una prevenzione però è possibile, limitando ad esempio l’eccesso di peso (l’obesità spesso si accompagna ad ipertensione), ed il sale durante l’alimentazione. Fare sport aiuta a tenere la pressione sotto controllo, ma va svolto con attenzione. Comunque, è opportuno controllarsi la pressione con regolarità, sia se si hanno sintomi sospetti, sia che si abbia familiarità con la patologia. Ma è buona norma comunque farlo, anche se ci si sente bene. Bastano pochi minuti in farmacia o a casa con lo sfigmomanometro (lo strumento per misurare la pressione). Il tutto sempre più di frequente con gli anni che passano! Una volta avuta la diagnosi di pressione alta è possibile prendere anche dei farmaci per tenerla sotto controllo.

    Articoli di approfondimento:

    Pressione alta, quali sono i valori ed i rimedi

    Pressione alta: 1 italiano su 2 non segue la dieta giusta

    Pressione alta:prevenire con i rimedi naturali