Pillola dei 5 giorni dopo: anche in Italia senza la ricetta medica

da , il

    pillola 5 giorni Italia

    La pillola dei 5 giorni dopo, anche in Italia sarà possibile acquistarla senza la ricetta medica. Una decisione in controtendenza rispetto a quella presa recentemente dal Consiglio Superiore di Sanità in merito all’utilizzo del contraccettivo di emergenza, destinata a far discutere. Sì perché ora anche l’Italia si è adeguata al resto d’Europa: l’Aifa ha recepito la nuova disposizione dell’Ema, l’ente europeo del farmaco, pubblicata l’8 maggio scorso in Gazzetta Ufficiale.

    La pillola dei 5 giorni dopo, da non confondere con la pillola abortiva, sarà venduta in Italia dietro prescrizione medica solo nel caso delle minorenni. Se a richiederla, in farmacia, sarà una maggiorenne, il farmacista è tenuto a vendere il contraccettivo d’emergenza. Attenzione, però, non si tratta comunque di un farmaco da banco, di quelli che si trovano sullo scaffale della farmacia e che si possono acquistare liberamente, rimane comunque un medicinale da richiedere specificamente al farmacista.

    Tutto è cominciato il 12 gennaio 2015, a Bruxelles, quando la Commissione Europea ha consentito la vendita e la somministrazione della pillola dei 5 giorni dopo senza necessità della prescrizione medica. Scelta di “sdoganamento” del contraccettivo di emergenza presa alla luce del parere emesso dalla Commissione per i prodotti medicinali umani (Chmp), dell’Agenzia Europea del Farmaco, a novembre, secondo cui la pilla dei 5 giorni dopo assicura una maggiore efficacia se assunta, in totale sicurezza anche senza la supervisione medica, entro le 24 ore dal rapporto a rischio.

    La breve storia di questo contraccettivo d’emergenza, che ha aumentato il margine temporale della pillola del giorno dopo, è cominciata, in Europa, nel 2009, anno dal quale ne è stata ufficialmente approvata la vendita dietro prescrizione medica. In Italia, l’autorizzazione al commercio è avvenuta nel 2011 (8 novembre 2011 pubblicazione in Gazzetta Ufficiale).

    Un nome che ne definisce già piuttosto chiaramente caratteristiche e contorni. La pilla dei 5 giorni dopo può vantare la capacità di impedire una gravidanza indesiderata se assunta entro 120 ore dopo il rapporto a rischio. Nella confezione del farmaco anticoncezionale d’emergenza c’è una sola compressa a base di ulipristal acetato (30 grammi), il principio attivo che garantisce l’azione contraccettiva bloccando l’ovulazione e, di conseguenza, contrastando efficacemente la fecondazione dell’ovulo. Tra gli effetti collaterali comuni di questa piccola ci sono: nausea, vomito, dolori muscolari, disturbi dell’umore, affaticamento, mal di testa, capogiri.