NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Pidocchi: si possono eliminare con l’aceto?

Pidocchi: si possono eliminare con l’aceto?
da in Malattie, Rimedi naturali
Ultimo aggiornamento:

    Pidocchi rimedi aceto

    Pidocchi, si possono eliminare con l’aceto? Se è vero che l’aceto è un prezioso alleato naturale in mille attività differenti, è anche vero che non ha poteri magici assoluti. Può essere utile come supporto nella lotta ai pidocchi, ma da solo nella maggior parte dei casi non basta. Ma cerchiamo di saperne di più sui pidocchi e su come eliminarli in modo davvero efficace.

    Prima di dare qualche informazione preziosa su questi sgraditi ospiti della chioma, meglio sfatare un mito. L’opinione diffusa vuole i pidocchi come il risultato di scarsa igiene. In realtà, l’igiene dei capelli è assolutamente ininfluente – sembra anzi che essi prediligano proprio le teste più pulite – così come la lunghezza.

    Per riconoscerli, meglio non sottovalutare alcuni sintomi piuttosto chiari. Come il prurito, soprattutto notturno, e l’arrossamento cutaneo in prossimità delle orecchie e sulla nuca. Per avere la certezza della presenza dei pidocchi, si può accertare che ci siano le uova, da notare osservando con cura dietro le orecchie e all’altezza della nuca. Uova da non confondere, però, con la forfora: per avere una prova è meglio spazzolare i capelli, se i puntini bianchi non si staccano, si tratta proprio di pidocchi.

    In commercio ci sono moltissimi prodotti (shampoo, lozioni, crema fluida o polveri) a base di antiparassitari (malathion, permetrina, piretrine, benzilbenzoato e piperonil butossido) che avvelenano i parassiti.

    Prodotti da utilizzare, solitamente una volta per eliminare i pidocchi adulti, e, di seguito, dopo circa 7-10 giorni, per eliminare quelli appena nati dalla schiusa delle uova rimaste.

    Oltre ai prodotti specifici, esistono alcuni alleati naturali. Come l’aceto, per esempio, che può essere utilizzato, diluito in acqua calda, per benefici risciacqui post shampoo della chioma. Da non dimenticare, poi, alcune regole utili dopo l’infestazione per evitare che i pidocchi contagino tutta la famiglia. Allo scopo, meglio: lavare a una temperatura superiore a 60 C° indumenti, lenzuola, cuscini; lasciare in ammollo per almeno un’ora in acqua molto calda e detersivo pettini, spazzole e fermagli che sono stati usati dalla persona infetta. Inoltre, giusto perché la prudenza non è mei troppa, tutti gli oggetti o gli indumenti che non possono essere lavati immediatamente, in acqua o a secco, vanno conservati per due settimane all’interno di sacchetti di plastica chiusi per evitare ogni rischio.

    SCOPRI TUTTI GLI USI IN CASA DELL’ACETO

    477

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieRimedi naturali
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI