Per la cistite ricorrente ora esiste una cura: il d-mannosio

da , il

    Cistite cura mannosio

    La cistite è un incubo molto frequente per le donne e da un po di tempo, il mannosio, una molecola estratta dalla betulla, sembra offrire una cura definitiva. In particolare il 40 % di noi viene colpita almeno una volta nella vita da un attacco di cistite, che nel 10% dei casi invece diventa ricorrente. Si tratta di un’infezione batterica, che colpisce le vie urinarie, particolarmente suscettibili nelle donne a causa della conformazione fisica degli organi genitali. D’estate, con la sudorazione ed il caldo, il rischio di una contaminazione batterica è più frequente.

    Ma non sempre viene dall’ambiente esterno. Al contrario i colpevoli della cistite sono solitamente dei batteri che colonizzano fisiologicamente l’intestino (la cosiddetta flora batterica). Quando questi organismi finiscono nelle vie urinarie si assiste ai classici sintomi: infiammazione e bruciore molto intenso quando si fa pipì. Pensate che il maggior colpevole tra i tanti è l’Escherichia Coli, ovvero il batterio che sta terrorizzando l’Europa in questi giorni e che ricordiamo, solitamente non è pericoloso. Il problema di chi viene colpito da cistite, non è tanto quello dell’infiammazione di per se stessa, ma delle sue recidive. Contro i batteri si sa, si utilizzano gli antibiotici. Purtroppo però in molti casi si assiste ad una forma di antibiotico-resistenza ed inizia un difficile percorso fatto di antibatterici sempre più diversi e forti, che a loro volta alterano la flora intestinale ed aumentano i sintomi e la cistite. Chi ci passa sa quanto questo sia difficile da affrontare. Già da qualche tempo però è stata individuata una particolare molecola estratta dalla betulla capace di legarsi ai batteri impedendogli di annidarsi alle pareti della vescica ed essere così eliminati naturalmente con le urine: si tratta del d-mannosio che si assume con semplicità per via orale.

    Il ritrovato è stato messo a punto da uno studioso italiano, il Dott. Daniele Porru, responsabile dell’ambulatorio di diagnosi urogenitale dell’Ospedale San Matteo di Pavia che assicura: “nel 90% dei casi si può dire addio alle ricadute”. Un ulteriore consiglio? Insieme all’igiene intima, latticini, probiotici e frutta, ovvero una sana alimentazione, aiutano a combattere la cistite.