Per combattere i dolori da artrite e osteoartrite un semplice rimedio casalingo

da , il

    Rimedio naturale dolori artrite

    Sono diversi milioni gli italiani di ogni età colpiti da forme di artrite e osteoartrite, patologie estremamente dolorose e invalidanti che interessano ossa e articolazioni. La reazione infiammatoria e la rottura delle cartilagini che si innescano durante il processo artitritico sono difficili sia da curare che, ancor prima, da alleviare, e se pensiamo che ne soffrono tantissime donne anche giovani, comprendiamo come mai proprio le varie forme di artrite costituiscano anche la prima causa di invalidità.

    Un problema che, naturalmente va affrontato affidandosi alle terapie di specialisti, terapie ad amplissimo raggio, che vanno dalle classiche cure termali per i dolori reumatici ai trattamenti a base di sali auriferi. Un aiuto pare arrivi persino dall’incenso, i cui estratti sembrerebbero essere in grado di bloccare il processo infiammatorio delle articolazioni.

    Oggi, però, vi segnalo un semplicissimo ma a quanto pare efficace rimedio naturale casalingo per ottenere un po’ di sollievo durante la fase acuta, quando i dolori si fanno sentire particolarmente. Vi servono solo dell’aglio, dell’alcool puro e un po’ di tempo. Dovete semplicemente mettere a macerare in mezzo litro di alcool undici spicchi d’aglio (onestamente non so dirvi se questo numero abbia una valenza di tipo “magico”, prendetela così com’è) per un mese intero.

    Dopodiché non avete che da effettuare delle frizioni con delle garze impregnate di alcool all’aglio nei punti dolenti, pare che il sollievo sia immediato. Si tratta del classico rimedio della nonna, ma qualche volta (anzi spesso), la saggezza popolare vanta delle intuizioni assolutamente geniali a proposito di cure, tanto che non di rado anche la medicina ufficiale, con i propri sistemi scientifici, ne conferma la validità. Comunque sia, se soffrite di artrite provare anche il trattamento all’alcool “agliato” per trovare sollievo non vi farò certo male.

    Dolcetto o scherzetto?