Pensare alle cose belle non fa sentire dolore

da , il

    Pensare alle cose belle non fa sentire dolore, detto così sembra l’ennesimo slogan di una pubblicità new age ed invece è la verità, scientificamente dimostrata. Per esempio il dolore di una puntura potrebbe essere mitigato concentrandosi su un’immagine positiva, un ricordo felice, un viso caro.

    La mente ancora una volta si rivela più forte del corpo, infatti secondo una ricerca condotta dall’Université de Montréal e pubblicata sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) concentrarsi su immagini positive fa sentire meno il dolore.

    A tal proposito Mathieu Roy, uno dei medici che ha curato la ricerca ha dichiarato: “Emozioni o stato d’animo possono alterare il modo in cui reagiamo al dolore in quanto possono essere collegate. I nostri test hanno rivelato quando il dolore viene percepito dal nostro cervello e come il dolore può essere amplificato quando combinato con le emozioni negative.”

    Lo studio è stato condotto su 13 volontari (e masochisti) che si sono sottoposti a delle scariche elettriche nella colonna vertebrale in modo da poter monitorare le reazioni impulsive, nel frattempo su uno schermo si alternanavano fotografie positive, negative e neutre.

    Sempre secondo Roy lo studio ha portato a risultati davvero importanti che possono essere applicati in altri campi della medicina: “I nostri risultati dimostrano che gli interventi non farmaceutici – esaltatori di stato d’animo come la fotografia o la musica – potrebbero essere utilizzati nel settore sanitario per aiutare ad alleviare il dolore. Tali interventi dovrebbero essere poco costosi e adattabili a diversi campi

    Foto da:

    www.kenlauher.com www.istockphoto.com blogs.glam.com affirmativethinking.files.wordpress.com