Pediatria: i bambini sedentari rischiano disturbi al cuore già a 9 anni

da , il

    Bambini sedentari cuore

    La pediatria, soprattutto in ambito di ricerca scientifica, sta scoprendo in maniera sempre più evidente quanto le malattie che insorgono durante l’età adulta si originino durante gli anni dell’infanzia. E la cosa drammatica, è che molti disturbi potrebbero essere prevenuti semplicemente facendo adottare ai bambini un corretto stile di vita. Una sorta di polizza assicurativa sulla salute futura, insomma. Parliamo, ad esempio, dei problemi al cuore. Sappiamo che le patologie dell’apparato cardiovascolare costituiscono la prima causa di morte negli individui adulti, ma forse, ciò che ci sfuggiva, è che i primi sintomi si cominciano a sviluppare in età pediatrica.

    Un recente studio svedese ha trovato un legame tra segnali di disturbi cardiaci nei bambini di 9 anni, e insufficiente movimento. In pratica, analizzando 223 bimbi sia maschi che femmine che praticavano da 11 a 15 minuti appena di attività fisica giornaliera di una certa intensità, i ricercatori hanno scoperto che il loro ritmo cardiaco a riposo era maggiore di quello dei coetanei più dinamici.

    A parità di indice di massa corporea, la percentuale di massa grassa dei piccoli “pigroni” era superiore. Una percentuale ancora maggiore nelle bambine, per le quali questi due valori apparivano più alti di quelli dei coetanei maschi anche a parità di tempo speso in attività fisiche. In definitiva, questi bimbi se non cambieranno stile di vita, potrebbero andare incontro a patologie cardiache, ma anche obesità.

    “Questa ricerca – ha commentato la scienziata Tina Tahna dello Skane University Hospital di Malmoe – spiega che i fattori di rischio cardiovascolari legati all’inattività sono gli stessi nei bambini e negli adulti. I genitori dovrebbero tenerne conto cercando di evitare ai figli una vita troppo sedentaria”. Via libera alle corse, alla bicicletta, alle attività sportive in e out door, alla piscina e alle partite di pallone!