Ovaio ingrossato: cause, sintomi e cure

Molte donne, giovani o meno, lamentano il fatto che a volte uno o entrambe le ovaie si ingrossino in maniera eccessiva. Ciò può causare dei dolori, quasi tipicamente mestruali, e per questo il problema può venire trascurato oppure sottovalutato. Tuttavia, è bene sapere che diverse sono le cause che provocano un simile disturbo e devono essere tutte attentamente tenute sotto controllo dal proprio ginecologo.

da , il

    Ovaio ingrossato: cause, sintomi e cure

    Quali sono le cause, i sintomi e le cure dell’ovaio ingrossato? L’ovaio ingrossato è il quadro clinico tipico di alcune malattie dell’apparato genitale femminile. Nella donna adulta, le ovaie sono due ghiandole a forma di mandorla che misurano 4 cm di lunghezza, 2 cm di larghezza e 1 cm di spessore. Sono situate ai due lati dell’utero e hanno un duplice ruolo: dalla pubertà alla menopausa, liberano ogni mese un ovulo giunto a maturazione nel follicolo e durante tutta la vita della donna secernono gli ormoni sessuali femminili. Esistono diversi disordini che possono interessare le ovaie e causare il loro ingrossamento. A tutto c’è comunque un rimedio specifico.

    Tutte le cause

    Un ovaio può ingrossare di volume per diverse ragioni, più o meno gravi. Nella maggior parte dei casi, un anomalo ingrossamento è sintomo della presenza di cisti ovariche che, dipendentemente dalla tipologia, potrebbero sparire dopo il prossimo ciclo. Tuttavia, a causa delle diverse possibilità di origine è difficile poter stabilire a priori il motivo che provoca l’ingrossamento di una o entrambe le ovaie. Vediamo quindi perchè potrebbe succedere.

    Cisti ovariche

    Le cisti ovariche sono la principale causa dell’ovaio ingrossato. Si presentano come delle neoformazioni a carico delle ovaie, posti lateralmente all’utero e in connessione con esso attraverso le tube. La maggior parte delle cisti sono legate all’attività di produzione e maturazione follicolare che spesso non causano sintomi evidenti alla donna. Tuttavia, se la ciste tende a ingrandirsi, oppure se si tratta di una cisti di natura endometriosica, il principale sintomo è il dolore durante o fuori dal ciclo.

    La formazione di cisti ovariche è un fenomeno molto frequente, che spesso non riveste nemmeno un carattere patologico, ma è necessario non sottovalutarlo, soprattutto dopo i 40 anni perchè potrebbero essere di natura tumorale maligna.

    Ovaio policistico

    L’ovaio policistico è una causa altrettanto comune di ovaio ingrossato. Consiste in una serie di sintomi derivanti da un vero e proprio squilibrio ormonale nelle donne in età fertile. Si caratterizza per la presenza di ovaie ingrandite e piene di cisti di varie dimensioni. Molte donne si rendono conto di avere un ovaio policistico soltanto nel momento in cui cominciano a cercare una gravidanza.

    Tale disordine può causare mestruazioni irregolari, una sensazione di gonfiore, irsutismo, ma anche pressione alta, diabete e tendenza al sovrappeso. si è inoltre dimostrato che la sindrome dell’ovaio policistico è una delle principali cause di sterilità femminile. Tuttavia, è comunque possibile che chi soffre di questo problema riesca ad avere una gravidanza.

    Fibroma ovarico

    Il fibroma ovarico è un tumore benigno che attacca le ovaie e per queste le ingrossa. Solitamente, è di forma compatta e può variare sia per dimensione che per numero. I fibromi sono i tumori benigni più comuni che colpiscono l’organo femminile e si stima che ne vengano colpite circa il 20% della donne.

    Non si conoscano le cause esatte ma alcuni esperti ipotizzano che i fattori che sviluppano i fibromi siano alcuni ormoni ovarici. Ciò è avvalorato dal fatto che durante la menopausa, quando gli ormoni ovarici diminuiscono fino a scomparire del tutto, è altamente possibile che il fibroma ovarico regredisca autonomamente fino alla sua completa atrofizzazione.

    Nonostante non sia una delle più gravi patologie che possa colpire le ovaie, il fibroma ovarico può compromettere il normale svolgimento delle attività quotidiane da parte delle donne colpite perché causano forti sanguinamenti e creano disagi pratici.

    Ovaio multifollicolare

    Un’altra causa che tende a ingrossare le ovaio è l’ovaio multifollicolare. Quando si parla di questa patologia ci si riferisce sempre ad una precisa condizione medica, che seppur nel linguaggio di tutti i giorni viene confusa molto facilmente con l’ovaio policistico, ha comunque caratteristiche proprie, sintomatologia diversa e diverse conseguenze.

    L’ovaio multifollicolare è una condizione in cui una o entrambe le ovaie presentano un basso numero di cisti, in genere da 6 a 10, ma di dimensioni decisamente superiori a quelle delle cisti che invece si riscontrano nell’ovaio policistico. Colpisce principalmente le ragazze in età puberale, ma può, tuttavia, anche comparire in età più adulta, soprattutto nell’ipotesi in cui la donna soffra di amenorrea, iperprolattinemia, iperstimolazione ovarica o anovulazione.

    Le cause di questa malattia sono molto spesso di origine ormonale ed i sintomi riguardano i vari disturbi del ciclo mestruale. Di norma, l’ovaio multifollicolare è una condizione temporanea che tende a risolversi spontaneamente e in maniera naturale con l’avanzare del tempo. Ciò non vuol dire che si possa trascurare.

    Tumore alle ovaie

    In alcuni casi, un ovaio ingrossato può essere sintomo della presenza di un tumore. Il cancro dell’ovaio non è particolarmente comune ed ha un’incidenza maggiore per le donne oltre i 65 anni. Tuttavia, non è raro riscontrarlo anche nelle giovani.

    Il tumore ovarico in fase iniziale può non causare sintomi evidenti o comunque, per certi versi, possono essere molto simili a quelli di altre patologie a carico delle ovaie. Pertanto il dolore addominale o ovarico dev’essere sempre visto come un campanello d’allarme per sottoporsi ad una visita ginecologica specifica, in grado di confermare o confutare certe ipotesi.

    Sintomi più comuni

    Così come per le cause, anche i sintomi dell’ovaio ingrossato sono di difficile riconoscimento. L’ingrossamento dell’ovaio è di per sé un sintomo che la maggior parte delle volte provoca dei dolori a livello dell’addome, o all’altezza delle ovaie, ma non sempre è percepibile. Ciò che è sicuro è che, quando presenti, le manifestazioni fisiche dell’ovaio ingrossato imitano in maniera abbastanza precisa i dolori mestruali. Sarà quindi normale soffrire di:

    Cure principali

    Visto che l’ovaio ingrossato comprende una varietà di cause e sintomi, le cure migliori saranno quelle volte a guarire l’origine scatenante il problema. Una delle cure più comuni usate per ridurre gli effetti dell’ovaio ingrossato riguarda l’assunzione della pillola contraccettiva, ossia una combinazione di ormoni in grado di regolare i periodi mestruali e l’ovulazione, tenere sotto controllo i disturbi del ciclo mestruale e far scomparire le cisti.

    I contraccettivi orali possono anche essere in grado di ridurre il rischio di alcuni tipi di tumori, in particolare il carcinoma all’ovaio e il tumore del colon retto.

    Ovaio ingrossato e fertilità

    Il rapporto tra ovaio ingrossato e fertilità è un tema sicuramente di difficile argomentazione. Stando a quanto suggeriscono le più accreditate ricerche mediche, le cause che provocano l’ingrossamento dell’ovaio potrebbero determinare dei problemi per quanto riguarda il concepimento e il mantenimento del feto.

    Tuttavia, è difficile fare generalizzazioni: molto dipende infatti dalla necessità che la patologia alla base non abbia alterato il ciclo mestruale al punto da rendere impossibile l’ovulazione e, dunque, il concepimento. Per questo motivo, a fornire una risposta puntuale al quesito in esame, non potrà che essere il ginecologo, dopo un’attenta analisi del problema.