Occhi: un aiuto dagli acidi omega 3

da , il

    omega 3

    Gli omega 3 sono un toccasana per i nostri occhi. A sostenerlo, è una ricerca del Children’s Hospital di Boston, pubblicata sulla rivista “Science Translational Medicine”. Oggi, si sente parlare spesso di acidi grassi omega 3, essenziali per il benessere del nostro corpo, ma efficaci anche contro depressione e disturbi dell’umore. Gli omega 3 sono definiti acidi grassi essenziali, ciò vuol dire che, il nostro organismo non è capace di sintetizzarli ed è quindi necessaria la loro introduzione attraverso l’alimentazione.

    Gli omega 3 aiutano a prevenire il tumore al seno, riducono eventuali coaguli di sangue, tengono sotto controllo la pressione arteriosa e il livello dei lipidi, ma non solo.

    Secondo i ricercatori di Boston, infatti, gli acidi grassi omega 3 fanno bene anche alla vista, aiutando a regolare la crescita dei vasi sanguigni nei nostri occhi. In questo modo, gli omega 3 sono un prezioso alleato contro le malattie dell’occhio come la retinopatia e la degenerazione maculare senile, due patologie caratterizzate da una crescita anormale dei vasi sanguigni e che a lungo andare portano alla cecità.

    Gli acidi grassi, inoltre, sono in grado di attivare delle proteine che migliorano la sensibilità all’insulina, con un effetto positivo anche su chi è affetto da diabete.

    Come ha spiegato il dottor Lois Smith del Children’s Hospital di Boston:

    Sebbene maggiori studi clinici debbano essere fatti, sembra possibile che, come i topi, i pazienti hanno migliorato la sensibilità all’insulina con gli acidi grassi Omega-3, senza alcun aumento del rischio di malattie cardiache.

    Per ottenere gli stessi benefici riscontrati sulle cavie utilizzate per lo studio, l’uomo dovrebbe consumare 2 grammi al giorno di acidi grassi omega 3, sia sotto forma di integratori che attraverso l’alimentazione. I cibi ricchi di omega 3 sono i cereali, le noci, i legumi, lo sgombro, il merluzzo, il tonno, e la trota.

    Dolcetto o scherzetto?