Occhi: mangiare pesce riduce rischio di degenerazione maculare

da , il

    Salute occhi pesce

    Per preservare la salute degli occhi si può partire dall’alimentazione. Mangiare pesce almeno una volta alla settimana riduce considerevolmente il rischio di incorrere in alcune patologie tipiche dell’età, come la degenerazione maculare. Si tratta di una malattia grave che colpisce dopo i 60 anni d’età, interessando la parte centrale della retina, detta macula, e che può condurre anche alla cecità. A quanto pare, però, la maculopatia si può prevenire… a tavola. E’ quanto hanno scoperto i ricercatori della Harvard Medical School a seguito di uno studio condotto su 38mila donne, seguite nel corso di una decina d’anni.

    Alle pazienti è stato fornito un questionario da compilare periodicamente a proposito del proprio stile di vita, le abitudini alimentari e la condizione generale di salute. A ricerca conclusa, esaminando i questionari, gli studiosi hanno rilevato che 235 donne sul totale analizzato si erano ammalate proprio di degenerazione maculare.

    Il dato che, però, ha attirato l’attenzione degli esperti per rilevanza, è che il campione che aveva abitualmente consumato del pesce settimanalmente, era riuscita ad evitare lo sviluppo della patologia nella significativa percentuale del 42%. Un pericolo abbattuto solo grazie alle scelte alimentari. Anche il tipo di pesce, oltre alla quantità, sembra avere una significativa importanza nella prevenzione di questa malattia degli occhi.

    “A funzionare meglio sembrano essere i pesci con carne scura, come il tonno – hanno spiegato i ricercatori americani – e comunque quelli che hanno un maggior contenuto di acidi grassi e di Omega-3”. Un’ottima notizia per noi mediterranei, che di buon pesce azzurro abbiamo grande abbondanza, e un ulteriore incentivo a consumarne in quantità, viste le tante virtù che questo cibo delizioso contiene soprattutto efficaci nella lotta contro i danni dell’invecchiamento.