Obesità infantile: si combatte con la “frutta nelle scuole”

da , il

    frutta nelle scuole

    Arriva la “frutta nelle scuole” italiane per combattere l’obesità infantile. Si tratta di un progetto di educazione alimentare rivolto ai bambini di scuola elementare, realizzato di concerto con i vari ministeri interessati (Istruzione, Politiche Agricole e Salute) e cofinanziato dalla Comunità Europea. Nei giorni scorsi abbiamo visto come questa iniziativa sia partita in alcune regioni del Nord Italia, ma in realtà coinvolge tantissimi bambini su tutto il territorio nazionale. Consiste nella consegna di alcuni frutti di stagione a tutte le scolaresche (per un totale di 20 consegne).

    L’obiettivo è quello di far conoscere loro il gusto e la provenienza di questi cibi preziosi per grandi e piccini, perché ricchi di vitamine importanti per la crescita. La campagna informativa è però rivolta anche ai genitori: sono loro la principale fonte di educazione alimentare, specie nei primissimi anni di vita. E da qui dovrebbe partire la scelta di alimenti più salutari e meno grassi (come certe merendine) per i propri figli. Bisogna ricordare che bambini obesi saranno adulti obesi e per questo potrebbero avere una minore aspettativa di vita.