Obesità e diabete: tra le cause scatenanti una molecola del cervello

da , il

    Obesità diabete cause

    Obesità e diabete sono ormai un fenomeno dilagante nei Paesi industrializzati. L’incidenza e la diffusione di queste due condizioni patologiche, spesso e volentieri concomitanti, viene fatto risalire prevalentemente a cattive abitudini alimentari, con abuso di junk-food o cibo-spazzatura, in associazione con stili di vita improntati alla sedentarietà. Tuttavia, insieme a questi fattori, sicuramente preponderanti, possono esistere altre cause che concorrono ad indurre uno scompenso metabolico come quello che porta all’obesità e al diabete di tipo 2.

    Tra queste, probabilmente anche una molecola del cervello recentemente scoperta grazie a degli esperimenti su modello animale, che avrebbe il potere di indurre una modifica a livello di ipotalamo. I ricercatori dell’Università di Yeshiva, New York, studiando dei topolini diabetici e obesi, hanno scoperto che troppa disponibilità di cibo, ha l’effetto di moltiplicare la produzione della proteina Txnip, che interagisce appunto con l’ipotalamo.

    Secondo quanto riportato dagli studiosi nell’articolo pubblicato sulla rivista Journal of Neuroscience: “Il nostro studio dimostra che questa molecola fornisce un link tra la percezione delle sostanze nutritive da parte del cervello e la crescita di peso e massa grassa. L’iperglicemia causa un eccesso di Txnip nell’ipotalamo, che a sua volta contribuisce in diversi modi, dalla diminuzione del consumo di energia alla riduzione dell’efficienza con cui i grassi vengono bruciati, all’obesità”.

    L’importanza di questa scoperta, risiede nel fatto che potrebbe aprire la strada alla sperimentazione di nuove cure: “Se si riuscirà a bloccare l’eccesso della proteina – concludono gli studiosi – si potrebbe prevenire sia l’aumento di peso che l’insorgenza del diabete”. In attesa che tutto questo si concretizzi in terapie di riconosciuta efficacia, direi che la prevenzione, modificando il proprio stile di vita e seguendo un regime alimentare controllato, resta la via migliore per contrastare sia il sovrappeso che il diabete, specie di tipo 2.