Neuropsichiatria: è morto Giovanni Bollea

da , il

    neuropsichiatra giovanni bollea

    Giovanni Bollea. Un pilastro della storia della medicina in Italia. E’ morto ieri pomeriggio alle 18,00, dopo un lungo ricovero, presso il Policlinico A. Gemelli di Roma. Era nato nel 1913 a Cigliano Vercellese ed è considerato il padre della Neuropsichiatria Infantile in Italia. Nella Capitale ha fondato e diretto a lungo l‘Istituto di Neuropsichiatria Infantile in via dei Sabelli. Ancora oggi un riferimento nazionale per la diagnosi e la cura di numerose patologie psico-patologiche e psichiatriche dei bambini. La sua lunga fama ha varcato i confini da decenni e nel 2004 ha anche ricevuto un premio alla carriera dal Congresso Mondiale di Psichiatria a Berlino.

    I riconoscimenti che ha ricevuto nel corso degli anni sono innumerevoli, ma forse quello che a lui ha fatto più piacere è quello avuto da intere generazioni di genitori che hanno letto il suo prezioso best seller: “Le madri non sbagliano mai”. Si tratta di un libro dedicato ai genitori, che, raccontava lo stesso Bollea “ho scritto per rendere più felice la vita di tanti bambini”. Si tratta di una vera e propria guida, scritta con semplicità, al ruolo di genitore. Qui il neuropsichiatra che tutto il mondo ci ha invidiato, offre degli importanti consigli al riguardo: amore, ascolto ed esempio, sono le parole chiave del lavoro più bello e difficile: fare la mamma o il papà. Perché un bambino felice è un bimbo che sa vivere, sa affrontare le sfide quotidiane, crescere con i suoi tempi, ecc.

    E’ un libro che consulto almeno una volta a settimana, anche se alcune pagine le ho consumate, perché spiega passo dopo passo come affrontare i piccoli e grandi problemi che nascono quotidianamente: cosa fare care amiche di Pourfemme ad esempio se scoprite che il vostro bambino racconta bugie in maniera eccessiva? Ed invece: come accompagnare un bambino nella consapevolezza e terapia di una malattia pericolosa come il tumore che colpisce l’infanzia?.

    Questo testo ha un pregio: serve da genitore e comunque da individuo. I consigli sono frutto di un’esperienza nella psiche umana utile a tutti. Perché troppo spesso noi grandi non sappiamo come comportarci, quale sia il bene o il male, non siamo in grado di gestire lo stress. E’ qui la grandezza di questo testo che è stato tradotto in un’infinità di lingue e dunque letto in tutto il mondo. Un ringraziamento speciale a Bollea, per il suo impegno nei confronti dell’infanzia di tutti i tempi, dal dopoguerra ad oggi.