Morbo di Alzheimer: un vaccino che ne rallenta il decorso

da , il

    Morbo di Alzheimer

    Il morbo di Alzheimer è una malattia degenerativa del cervello, che con il passare del tempo distrugge le cellule cerebrali fino a limitare le capacità cognitive, rendendo il malato incapace di una vita normale. Ne avevamo già parlato in passato, per darvi notizia delle nuove scoperte circa gli effetti benefici a lungo termine del licopene, una sostanza contenuta nel pomodoro. Oggi riprendiamo l’argomento per darvi un’altra bella notizia: entro il 2012 sarà presumibilmente disponibile un vaccino capace di rallentare sensibilmente la progressione del morbo. Si chiama AD02 ed è stato sviluppato in collaborazione con il laboratorio GlaxoSmithKline in Gran Bretagna.

    L’AD02 si attiva stimolando la produzione di anticorpi specifici in grado di rimuovere le placche di sostanza beta-amiloide, responsabili della perdita di funzionalità delle cellule neuronali. Il dott. Elio Scarpini, neurologo all’Università di Milano, ha spiegato che “il vaccino sarà sia preventivo sia terapeutico e già su modello animale, topi e scimmie per la precisione, ha dimostrato di ridurre in maniera significativa le placche senili che si formano nel cervello e che sono la base della malattia di Alzheimer”.

    Il vaccino è già stato testato su 420 individui reclutati in Austria, Germania, Francia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Croazia. Grazie alla Fondazione Santa Lucia di Roma, anche in Italia 30 pazienti che accusano i primi sintomi di Alzheimer verranno presto sottoposti alla terapia sperimentale.

    E’ già stato confermato che il vaccino non è nocivo per l’organismo e dunque la prima fase di sperimentazione può dirsi superata. Per avere prova certa dell’efficacia a lungo termine, però, dovremo aspettare ancora qualche anno, con una premessa: l’AD02 non elimina la patologia, ma ne rallenta il decorso.

    Foto da:

    france24.com

    Dolcetto o scherzetto?