Morbillo: in Europa è boom di contagi

da , il

    Morbillo boom europa

    Siamo abituati a considerarla una malattia dei bambini, il morbillo, e in effetti è più facile che la si “prenda” in età pediatrica, ma in realtà, come tutte le patologie virali, ci si può ammalare in qualunque momento della vita. Proprio perché associata all’infanzia, si tende a sottovalutare il morbillo, ma sappiate che anche questa infezione presenta dei rischi, soprattutto se contratta in età adulta. Ecco perché l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha lanciato un allarme a proposito di un abnorme aumento dei casi conclamati di morbillo in Europa.

    Pensate che, solo tra i mesi di gennaio e marzo, si sono contati 5mila contagiati, soprattutto in Francia, e ben 6500 dall’inizio dell’anno, ovvero, il numero totale di casi del 2010. L’epidemia boom di morbillo, però, interessa almeno 30 Paesi, e la cosa non va assolutamente presa sottogamba. “E’ un numero molto elevato – spiega Rebecca Martin, dell’ufficio di Copenhagen dell’OMS – che non si può prendere alla leggera.

    Negli ultimi anni c’è stato un aumento progressivo del numero di bambini non vaccinati, e si è superata in certi luoghi la soglia che da’ vita ad un focolaio”. Proprio per porre un argine all’epidemia, la sanità francese ha preso misure d’emergenza per vaccinate il maggior numero possibile di persone mentre i viaggiatori provenienti dagli USA e dall’Inghilterra, sono stati invitati a vaccinarsi prima di recarsi sul continente Europeo.

    Ricordo, a tal proposito, che in Italia vaccinarsi contro il morbillo per i bambini non è obbligatorio, ma vivamente consigliato dai pediatri. L’immunizzazione contro questa patologia virale è inserita all’interno del cosiddetto vaccino trivalente, che protegge anche da rosolia e orecchioni.

    Dolcetto o scherzetto?