Medicine alternative: in Toscana al fianco di quelle tradizionali

da , il

    medicine alternative in toscana col ticket

    La notizia è passata quasi in sordina. Dallo scorso 23 febbraio, è possibile prenotare visite specialistiche e prestazioni di omeopatia ed agopuntura nel Centro di Medicina Integrata realizzato dalla Regione Toscana presso la Asl 9 dell’Ospedale di Pitigliano. A breve sarà inserita anche la branca specialistica di fitoterapia, già inserita dalle norme regionali, tra le medicine complementari. Si tratta del primo centro pubblico a livello nazionale ad affiancare alla medicina “tradizionale” ed “ufficiale”, anche quella che spesso viene ritenuta “alternativa” e che in questo caso viene più correttamente indicata come “complementare”.

    Già perché integrare diverse forme terapeutiche può essere fondamentale per contrastare molte patologie o gli effetti collaterali di alcune preziose cure, come nel caso della chemioterapia. Altri esempi? Al Centro di Medicina Integrata in questione si può accedere in caso di malattie reumatiche croniche, o di terapie per traumi o ictus, in caso di riabilitazione ortopedica e neurologica. Ma sono accolti anche i pazienti affetti da psoriasi e dermatiti allergiche, persone colpite dall’asma o da insufficienza respiratoria o chi purtroppo deve sottoporsi alle cosiddette cure palliative (terapie per il dolore cronico).

    Trattandosi di una struttura pubblica con prestazioni riconosciute dalla Regione Toscana, i residenti potranno accedervi tramite il pagamento del ticket (o se si è esenti neppure quello), mentre per gli altri verrà applicata una normale tariffa ambulatoriale. Non occorre la richiesta del medico curante, ma occorre prenotare le prestazioni al Cup aziendale, telefonando al numero 0564/483500, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 16, il sabato dalle 8 alle 12, oppure direttamente agli sportelli Cup che si trovano negli ospedali o nei Distretti.

    Dolcetto o scherzetto?