Medicina alternativa: si può usare in gravidanza?

da , il

    medicina alternativa gravidanza

    L’uso delle medicine alternative, è diventato sempre più frequente, anche durante la gravidanza, spesso punteggiata da episodi di nausea o da intensi mal di testa. Tuttavia, nonostante sia stata dimostrata più volte l’efficacia in gravidanza di alcuni rimedi naturali, c’è ancora troppa poca informazione sulle terapie non convenzionali da parte degli operatori professionali. A sostenerlo, è il “Journal of Advanced Nursing”. La rivista scientifica, infatti, ha pubblicato il resoconto di 19 studi condotti tra il 1999 e il 2009, che affrontavano il punto di vista sulle medicine alternative da parte di oltre 3 mila operatori del settore ostetricia e ginecologia.

    L’autore della revisione, Jon Adams dell’Università del Queensland e direttore del Network of researchers in the public health of complementary and alternative medicine, ha spiegato che:

    la causa principale potrebbe essere dovuta alla mancata formazione da parte di medici e ostetriche, oltre ad una mancanza di rispetto e cooperazione tra le parti coinvolte.

    La gran parte dei medici e degli specialisti, infatti, tendono a trascurare l’importanza della medicina complementare, anche in Italia, come lamenta Leonello Milani, vicepresidente Aiot e vicepresidente dell’Accademia internazionale di medicina fisiologica di regolazione. L’esperto, infatti, rivendica la necessità di includere la medicina non convenzionale negli obiettivi formativi di diversi percorsi di studi come medicina generale, farmacia, odontoiatria, veterinaria, ecc.

    Tuttavia, come ricorda Alessandro Pizzoccaro, presidente di Guna Spa, azienda produttrice di medicine complementari/non convenzionali in Italia, l’utilizzo delle medicine alternative non può prescindere da una maggiore conoscenza delle stesse, sia da parte di chi le usa, sia da parte di chi le prescrive.

    Dolcetto o scherzetto?